PAGELLE E TABELLINO Milan-Venezia 2-0: Theo devastante! Florenzi appannato

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:40

Pagelle e tabellino di Milan-Venezia, match di San Siro, valido per la quinta giornata di Serie A

Per avere aggiornamenti in TEMPO REALE sulle ultime di CALCIOMERCATO, ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM!

Serie A, 5a giornata: sorride il Milan grazie a Theo, vince l'Empoli
Theo Hernandez © Getty Images

Ecco le pagelle di Milan-Venezia:

MILAN
Maignan 6 – Partita da spettatore per il portiere francese. L’unica parata, semplice, la compie praticamente a tempo scaduto.

Kalulu 6 – Ha tanta energia. Sale e scende per tutta la partita sulla fascia destra, facendo anche il lavoro di Florenzi. Sfiora il gol nel corso del primo tempo. Nel secondo sembra perdere un po’ di lucidità.

Gabbia 6,5 – Ottima partita per il giovane prodotto del vivaio rossonero. Bravo nell’anticipo. E’ lui dei due centrali a provare il lancio lungo. Lascia il campo dopo un’ora di gioco Dal 59′ Tomori 6 – Partita attenta per l’inglese.

Romagnoli 6,5 – Dopo qualche sbavatura iniziale, si merita gli applausi per un’ottima chiusura in scivolata ad inizio secondo tempo.

Ballo-Touré 5,5 – Non sembra dotato di una tecnica sopraffina. Si impegna, mettendoci il fisico e tanta corsa. Rimandato alla prima a San Siro. Dal 59′ Theo 7,5 – La panchina gli fa davvero bene. Il francese torna devastante: in 30 minuti assist e super gol, meglio delle prime quattro partite.

Tonali 7 – Continua a prendere lui il Milan per mano. Gioca a testa alta e non teme di farsi dare il pallone. Quando il centro è intasato cerca spazio anche sulla sinistra, dimostrando di sapere quello che fa.

Bennacer 7 – La partita con il Liverpool è un lontano ricordo. Come il compagno di reparto gioca a testa alta, provando ad inventare calcio. Da una sua giocata per Theo nasce il primo gol dei rossoneri.

Florenzi 5 – Prova per nulla convincente per l’ex Roma che si limita a fare il compitino. Spinge poco, non dando l’apporto sperato. Dal 59′ Saelemaekers 7 – Il belga è giovane e fresco. L’ex Anderlecht è di un’altra pasta: mette in campo grinta, tanta corsa e dribbling. E’ suo l’assist vincente per il gol di Theo, dopo una grande giocata.

Brahim Díaz 7 – Dopo un primo tempo non proprio esaltante, cresce tanto nella ripresa e alla fine è suo il gol che decide il match. Dall’80’ Kessie s.v.

Leao 6,5 – E’ uno dei pochi ad accendere la luce nel corso del primo tempo. Prova spesso la giocata ma non sempre è aiutato dai compagni. Sotto porta deve chiaramente migliorare.

Rebic 6,5 – Ha ancora da corner la palla giusta per andare in gol ma non la sfrutta. La sua prova è più che positiva, mettendosi sempre a servizio della squadra. Dal 73′ Pellegri s.v.

All.Pioli 6,5 – Il turnover non lo premia fino in fondo. Ha bisogno di far entrare i suoi assi, Theo e Saelemaekers, per portarla a casa.

VENEZIA
Mäenpää 6 – Può davvero poco in occasione dei gol subiti. Reattivo nel finale sul tiro di Saelemaekers.

Ebuehi 4,5 – Quando Leao ti punta è davvero difficile per tutti. Il terzino va in difficoltà per l’intera partita. Quando entra Theo è la fine. Dal 74′ Mazzocchi s.v.

Caldara 5 – Più di un’ora di gioca a buon livello per l’ex rossonero. Va totalmente in affanno nell’ultima parte del match, soprattutto per colpa di Saelemaekers

Ceccaroni 5 – Si perde di vista Brahim Diaz, che è troppo solo per calciare. Non ha vita facile nemmeno con Rebic. Nel finale vale lo stesso discorso fatto per il compagno di reparto

Molinaro 5,5 – Vince il duello con Florenzi ma quando entra Saelemaekers le cose cambiano, completamente.

Peretz 5 – E’ spesso in preciso, sbaglia anche la giocata semplice. Dal 53′ Crnigoj 5 – Gioca nel lato dove il Milan attacca di più con l’ingresso di Theo e la vita è davvero dura per lui.

Vacca 6  – Lotta su ogni pallone, non avendo paura a metterci la gamba. Esce dunque a testa alta. Dall’80 Tessman s.v.

Busio 5,5 – La sua dinamicità stasera non si vede. I centrocampisti del Milan hanno davvero un altro passo.

Aramu 5 – Non riesce a mettere la sua qualità al servizio della squadra, come gli capitava in Serie B.

Forte 4,5 – Si mette in evidenza solo per un calcio in faccia a Gabbia. Non la vede mai tra le maglie rossonere. Dal 52′ Henry 5 – In ombra come il compagno. Non riesce a dare alcun apporto alla squadra.

Johnsen 5,5 – Sembra avere i colpi ma spesso va in confusione da solo. Da rivedere. Dal 74′ Okereke s.v.

All. Zanetti 6 – Tenere lo 0-0 per più di un’ora a San Siro non è da tutti. Ha poco materiale per impensierire la squadra di Pioli.

Pezzuto 6,5 – Lascia spesso giocare, ma la partita non gli sfugge mai di mano. Buona direzione per il fischietto di Lecce

TABELLINO

MILAN-VENEZIA 2-0

MILAN (4-2-3-1): Maignan; Kalulu, Gabbia, Romagnoli, Ballo-Touré; Tonali, Bennacer; Florenzi, Díaz, Leão; Rebić. A disp.: Jungdal, Tătăruşanu; Conti, Hernández, Tomori; Castillejo, Kessie, Saelemaekers; Maldini, Pellegri. All.: Pioli.

VENEZIA (4-3-3): Mäenpää; Ebuehi, Caldara, Ceccaroni, Molinaro; Peretz, Vacca, Busio; Aramu, Forte, Johnsen. A disp.: Neri; Mazzocchi, Tessmann, Modolo, Henry, Heymans, Bjarkason, Kiyine, Schnegg, Svoboda, Crnigoj, Okereke. All.: Zanetti.

Arbitro: Pezzuto di Lecce.
GOL: 69′ Brahim Diaz (M). 82′ THEO
AMMONITI: 25′ Forte (V)
ESPULSI: –