CMIT TV | “Punterei su di lui”: Rampulla sceglie il dopo Szczesny

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:49

Michelangelo Rampulla, intervenuto a CMIT TV, ha parlato della Juventus, soffermandosi sulla situazione legata al portiere

Per seguire e interagire in DIRETTA sulle ultime di Calciomercato ISCRIVITI al canale YouTube

Problema portiere Juve Rampulla
Michelangelo Rampulla a CMIT TV

In casa Juventus tiene banco la situazione legata a Szczesny. L’estremo polacco è finito nel mirino della critica dopo gli errori contro il Napoli.  Michelangelo Rampulla – intervenuto ai microfoni di CMIT TV – ha parlato così di Szczesny e del suo momento no: “Probabilmente le voci di mercato, legate a Donnarumma hanno creato un po’ di imbarazzo a Szczesny a livello mentale. Mi auguro sia solo questo così da poter tornare quello ammirato in passato. I momenti difficili capitano a tutti. E’ una confusione mentale passeggerà. Mettere Perin? Potrebbe essere una soluzione ma al primo errore non si cambia per forza il portiere, tranne che non te lo chieda lui. Ieri ha fatto il suo, il portiere si recupera con la continuità e Allegri fa bene e dargli fiducia”.

Donnarumma – “L’esborso economico sarebbe stato notevole ma anche Szczesny guadagna abbastanza. Se l’ingaggio non era così distante da quello del polacco, io un tentativo l’avrei fatto. Prendendo Donnarumma avresti avuto un portiere per 15 anni“.

Portiere del futuro – “I big stranieri cercano l’ingaggio, io punterei su un giovane italiano che possa maturare. Bisogna fare i conti comunque con un discorso economico. 7 milioni per Szczesny diventa insostenibile. Io punterei su un italiano, magari su Audero”

LEGGI ANCHE >>> Allarme infortuni per Allegri: il centrocampista a rischio per il big match

Carnesecchi – “E’ un ottimo portiere, si sta facendo le ossa in provincia ed è certamente da tenere in considerazione. I portieri vanno fatti giocare”.

Crisi Juve – “Dalla crisi si esce con la consapevolezza di essere una grande squadra. Bisogna pensar meno sulle parole e buttarsi sul lavoro. Sono stati gli errori singoli a condizionare l’inizio dei bianconeri. Loro sanno di essere forti”