Napoli-Granada, Gattuso contro l’arbitro: “Serve più rispetto!”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:10
Napoli Granada Gattuso
Gattuso ai microfoni di Sky Sport

Gennaro Gattuso ha parlato dopo la vittoria per 2 a 1 del Napoli contro il Granada, inutile ai fini della qualificazione agli ottavi di Europa League

Dopo l’eliminazione del suo Napoli dall’Europa League, Gennaro Gattuso ha commentato la gara contro il Granada: “Io penso che chi ci rappresenta deve far rispettare le squadre italiane di più in Europa, in questi tre giorni si è visto di tutto – spiega a ‘Sky Sport’ – Nel primo tempo si è giocato 17-18 minuti, nel secondo non vi dico. Ci metto la mano sul fuoco: se una squadra italiana si permette di interpretare una partita in Europa così, il giorno dopo siamo sui giornali”.

Per seguire e interagire in DIRETTA sulle ultime di Calciomercato ISCRIVITI al canale YouTube

LEGGI ANCHE >>> PAGELLE E TABELLINO DI NAPOLI-GRANADA: Zielinski non basta. Silva, che parata!

Napoli-Granada, Gattuso analizza la vittoria ‘inutile’

Napoli Gattuso
Gennaro Gattuso ©️ Getty Images

Gattuso ha proseguito la sua disamina: “Abbiamo preso un gol assurdo anche oggi, in tre contro uno in area. Dopo non ricordo altre azioni del Granada, dobbiamo essere orgogliosi di quanto fatto, senza rammarico. Nelle due partite abbiamo dimostrato di avere qualcosa in più di loro”.

Dopo l’eliminazione, Gattuso non verrà messo in discussione dal Napoli. Il tecnico ha analizzato le tante voci sul futuro: “La squadra deve stare tranquilla, la gente deve rompere le scatole solo al sottoscritto e io sono il primo responsabile. Se c’è qualcuno che deve pagare, quello al massimo sono io”.

IL CAMPIONATO – “Tra due giorni e mezzo abbiamo un’altra partita, dobbiamo continuare così e aspettare i rientri. Se pensiamo che ci mancano ancora 15 partite di campionato, 16 con il recupero, capiamo che ci sono ancora tantissimi punti a disposizione. Non dobbiamo deprimerci, dobbiamo sapere quello che facciamo e dare continuità”.

I SINGOLI – “Ghoulam oggi ci ha messo grande qualità, grande impegno e può darci una mano. Noi però ora abbiamo bisogno davvero di tutti. Mertens? Meglio, gli fa meno male la caviglia e la corsa è più fluida. Oggi abbiamo esagerato, facendogli giocare più di 30 minuti ma sicuramente va meglio. Osimhen ha avuto un trauma cranico a Bergamo, ci sono dei protocolli medici da rispettare”.