Roma-Spezia, da Fonseca a Dzeko e Friedkin: ecco come hanno esultato i giallorossi al gol di Pellegrini

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:31
Roma, l'esultanza al gol di Pellegrini | La reazione verso Fonseca
Lorenzo Pellegrini ©️Getty Images

Il tecnico portoghese si è liberato correndo verso i calciatori, il bosniaco ha gioito in tribuna così come i dirigenti. E quell’abbraccio finale…

Paulo Fonseca si libera. Il gol di Pellegrini nel recupero ha fatto scattare la molla dell’allenatore portoghese, solitamente molto composto in panchina, che è partito in una corsa sfrenata verso i suoi giocatori. Una corsa liberatoria che questo stadio è abituato a vedere più sull’altra sponda del Tevere, con Simone Inzaghi che ne ha fatto un marchio di fabbrica. Il portoghese sfoga la pressione di una settimana complicatissima tra derby ed eliminazione dalla coppa con l’ennesima sconfitta a tavolino. Poi il rapporto burrascoso con Dzeko e l’esonero da sventare.

LEGGI ANCHE >>> Roma-Spezia, Fonseca si sfoga: “Ci trattano come gli ultimi in classifica ma siamo terzi”

Roma, l’esultanza al gol di Pellegrini

Roma, l'esultanza al gol di Pellegrini | La reazione verso Fonseca
Fonseca (©Getty Images)

La rete del 4-3 di Pellegrini ha stappato la gioia di tutta la Roma all’Olimpico: oltre a Fonseca, che cercava anche un cenno di risposta nell’esultanza dai suoi giocatori avvolti in un grande abbraccio (senza però trovare grande empatia), anche lo stesso Pellegrini è esploso lanciando la maglia. E in tribuna lo stesso Dzeko – insieme agli altri compagni indisponibili – ha esultato in maniera evidente, il suo affetto ai colori giallorossi non glielo toglierà nessuno in ogni caso. Anche Tiago Pinto e Ryan Friedkin, all’intervallo non proprio contenti di quello che stavano vedendo in campo, sono scoppiati di gioia. Per alcuni minuti è stata una Roma unita. Da domani è probabile che ognuno tornerà al suo posto nel muro contro muro che si è creato. Intanto Fonseca si è guadagnato la panchina anche per Roma-Verona: si vivrà alla giornata, ma chissà che questo non possa essere l’inizio di altro. Che parta magari dall’abbraccio finale tra il mister e lo stesso Pellegrini.