Sassuolo-Milan, Pioli: “Spiace per Ibra, ma le alternative ci sono”. Poi esalta Calhanoglu

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:30
Milan-Parma Pioli
Stefano Pioli

Sassuolo-Milan, le parole del tecnico rossonero Stefano Pioli alla vigilia del match in programma domani alle 15 a Reggio Emilia

Un solo punto di vantaggio sull’Inter da conservare fino alla pausa di Natale. Il Milan si presenta però con due gare molto complesse da affrontare, rispettivamente contro Sassuolo e Lazio. Domenica i rossoneri sfideranno proprio la squadra di De Zerbi a Reggio Emilia. Calciomercato.it seguirà per voi in diretta la conferenza di Stefano Pioli alla vigilia della gara contro i neroverdi. Per seguire e interagire in DIRETTA sulle ultime di Calciomercato ISCRIVITI al canale YouTube

TANTI GIOCATORI IN GOL – “E’ un bel segnale. Significa che siamo imprevedibili. Dobbiamo essere intraprendenti e continuare a portare quanti più giocatori possibili nei pressi dell’area. Continuare a segnare è importante”.

CAMMINO FATTO – “Sappiamo quale è il nostro percorso. Abbiamo messo in campo prestazioni positive per tutto il 2020. Rispetto all’anno scorso in questo momento del campionato abbiamo tanti punti in più, ma il campionato è ancora più equilibrato dell’anno scorso. Era logico aspettarselo così, con avversari forti”.

SASSUOLO – “Affrontiamo una squadra che in campo sta bene, che ha fatto molti risultati con tanti gol pur avendo qualche assenza. E’ una squadra da affrontare con grande attenzione, ben allenata e propositiva. Dovremo essere lucidi e dovremo affrontarli con rispetto e consapevolezza dei nostri mezzi. Abbiamo tante assenze, ma dobbiamo essere consapevoli”.

IBRAHIMOVIC – “Eravamo convinti potesse essere a disposizione per la gara di domani. Purtroppo c’è stato questo intoppo. Aveva una grande voglia di rientrare e sono dispiaciuto soprattutto per lui. Ibra è forte, tornerà più forte di prima. Le alternative ci sono, i ragazzi sono pronti”.

GOL ATTACCANTI – “Abbiamo dimostrato di saper segnare. Dobbiamo essere attenti soprattutto in fase difensiva, perché abbiamo preso qualche gol di troppo”.

MERCATO – “C’è stato un faccia a faccia con la dirigenza prima di queste due gare. Normale cominciare a parlare di alcune situazioni, non è l’infortunio di Ibra che ci farà cambiare idea sulle situazioni in cui possiamo migliorare. Vice Ibra? Credo, come crede la società, che se ci sarà la possibilità di migliorare la squadra si interverrà sul mercato. Corti a centrocampo? Siamo coperti, ci sono quattro centrali per due posti. Se ci sarà la possibilità di inserire un giocatore di qualità e un prospetto Milan valuteremo il da farsi”.

REBIC E LEAO – “Credo che Rebic non sia riuscito a segnare per bravura del portiere o perché non è il momento giusto. Sono soddisfatto delle sue prestazioni. Probabilmente se avesse fatto gol contro il Genoa si parlerebbe di un Rebic eccezionale. Ha avuto un piccolo problema mercoledì e spero possa essere recuperato. Mercoledì è uscito per un problema al piede, mi auguro sia pronto per la rifinitura di oggi e averlo a disposizione domani. Leao ha sofferto l’infortunio. Sono il primo a dire che a livello di intensità non ha fatto benissimo ultimamente, ma prima dell’infortunio ha fatto molto bene. Ora deve fare mentalmente qualcosa in più e deve tornare al 100%. Mi aspetto di più, ma entrambi hanno qualità e caratteristiche per fare bene”.

CONTRACCOLPI PSICOLOGICI – “Non dobbiamo averne. Stiamo bene e lo abbiamo dimostrato. Abbiamo fatto vedere di essere vivi e di non mollare mai. Arriviamo da una serie positiva, dobbiamo stare bene”.

DIFESA – “Non deve essere solo la difesa a disputare una buona prova domani. Tutta la squadra deve lavorare bene in fase di non possesso. Dovremo essere compatti contro un avversario di qualità”.

TONALI – “Sta giocando con continuità. Ha grande potenzialità, dovrà crescere tanto, ma lavora con applicazione. Mi aspetto tanto da lui”.

ATTACCO – “Riempire l’area è importante e noi lo stiamo facendo, ma in alcune circostanze siamo arrivati in ritardo. Ognuno di noi ha le caratteristiche e dobbiamo essere bravi a mettere in risalto le caratteristiche dei compagni”.

CALHANOGLU – “Lui è uno dei leader di questa squadra. E’ un leader tecnico. Per lui ho grandissima stima, è un giocatore intelligente che si sposa bene con qualsiasi compagno. Abbiamo affrontato squadre che ci hanno chiuso gli spazi, voglio che resti il più alto possibile, ma è a volte costretto ad abbassarsi”.

KJAER – “Simon sta recuperando bene, vedremo i prossimi giorni. Sarà difficile vederlo anche nella partita di mercoledì. Nelle ultime gare siamo stati più attenti sulle palle inattive, ma da palla persa. Il nostro atteggiamento non è stato eccezionale dopo aver perso palla. Dobbiamo far meglio, ma non credo sia un giocatore solo che possa fare la differenza in un singolo reparto. Sono tanti i parametri che devono funzionare”.