PAGELLE E TABELLINO JUVENTUS-VERONA | Svolta Kulusevski, Bonucci disastroso

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:44
Dejan Kulusevski (Getty Images)

Pagelle e tabellino di Juventus-Verona, match valevole per la quinta giornata del campionato di Serie A. Kulusevski risponde al vantaggio di Favilli

Passo falso della Juventus che non va oltre l’1-1 casalingo nel posticipo di campionato contro il Verona. Gli scaligeri ribattono colpo sul colpo e mettono in difficoltà i campioni d’Italia, piazzando la rete del vantaggio con il neo-entrato Favilli ad inizio ripresa. Kulusevski sveglia la Juve: lo svedese con una prodezza firma il pareggio, nel finale non bastano i guizzi di Dybala alla ‘Vecchia Signora’ per centrare i tre punti. Traversa per l’argentino, legno anche per Cuadrado nella prima frazione. Serata da dimenticare per Bonucci, male anche Bernardeschi. Zaccagni illuminante sulla rete dell’ex Favilli, Silvestri determinante nel convulso recupero.

Le pagelle di Juventus-Verona: brilla Zaccagni, Dybala si accende nel finale

Dybala e Faraoni (Getty Images)

JUVENTUS

Szczesny 6 – Favilli lo prende sul tempo sulla rete ospite. Per il resto non deve fare miracoli nonostante la pericolosità del Verona.

Demiral 5,5 – Ci mette la solita energia, patisce però il dinamismo degli attaccanti avversari.

Bonucci 4,5 – Soffre maledettamente Kalinic, goffo un suo intervento a vuoto sul croato. Si fa infilare da Favilli sul gol scaligero. Esce per infortunio: serata da dimenticare (75′ Frabotta 6 – Si sistema a sinistra per l’assalto finale).

Danilo 6 – Solido quanto basta, bada all’essenziale. Non riesce ad intervenire su Favilli, ma è Bonucci a perdersi il centravanti scaligero. Chiude al centro della difesa dopo il ko del capitano.

Cuadrado 6,5 – La traversa a colpo sicuro grida vendetta. Continuo e sempre propositivo sulla destra con le sue pericolose galoppate.

Arthur 5,5 – Non incide in regia, entra poco nel vivo del gioco. Deve elevare il suo livello di gioco se vuole essere protagonista in questa Juve.

Rabiot 5,5 – Esce bene dal traffico, manda in porta Bernardeschi. Ma non è continuo nel suo incedere.

Bernardeschi 4,5 – Ha una chance nel primo tempo ma non è cattivo. Gioca con poco mordente, rallenta sempre l’azione sull’out mancino. Perde una palla assassina nell’azione che porta al vantaggio ospite. Occasione sprecata nel ‘nuovo’ ruolo ritagliatogli da Pirlo (60′ Kulusevski 7 – Spacca la partita con le sue accelerazioni. La Juve cambia passo con l’ingresso dello svedese: gol d’antologia per rimettere in carreggiata Pirlo).

Ramsey 6,5 – Pimpante nella prima frazione, il Verona fatica a leggere i suoi movimenti sulla trequarti. Cala nell’ultima parte ma non si spegne (90′ Vrioni sv).

Dybala 6 – Indossa il rosanero come ai tempi di Palermo, si accende a tratti. La condizione non lo assiste, commette errori banali per uno della sua classe. Il suo sinistro può fare però sempre male: sfortunato quando dal limite centra la traversa. Più vivo nella ripresa, sfiora nuovamente il gol della vittoria nel recupero.

Morata 6 – Un’altra rete annullata per pochi centimetri, come a Crotone. Svaria e crea spazi per i compagni, stavolta gli manca il guizzo risolutore. Nervoso nel finale.

All. Pirlo 5 – Due traverse e un pareggio che sa di sconfitta nonostante lo svantaggio. La Juventus non riesce a trovare continuità, troppi esperimenti e squadra che fatica ad avere una chiara identità. Nuovo campanello d’allarme dopo la convincente vittoria di Kiev in Champions League.

VERONA

Silvestri 7 – Non si fa sorprendere da Bernardeschi nella prima frazione. Nulla può sul colpo da biliardo di Kulusevski. Prodigioso nel recupero su Dybala e Cuadrado.

Ceccherini 5,5 – Ramsey lo mette in difficoltà quando gravita dalle sue parti. Rischia il fallo da rigore su Bernardeschi (55′ Magnani 6 – Alcuni interventi degni di nota).

Lovato 7 – Classe 2000, ottima personalità. Morata è un cliente scomodo ma tiene botta. Ne esce da veterano anche nell’assedio finale.

Empereur 5,5 – E’ in ritardo nel raddoppiare su Cuadrado. Qualche incertezza di troppo.

Faraoni 5,5 – Partita diligente, Bernardeschi non gli crea grattacapi e quando può si spinge in avanti. Viene però ubriacato da Kulusevski nell’1-1 juventino.

Vieira 6,5 – Recupera tanti palloni. Ogni tanto macchinoso ma efficace.

Tameze 6,5 – Lotta e cuce in mediana, si fa valere. Ha qualità anche per innescare le punte. Esce per un acciacco (51′ Ilic 6 – Dà il suo apporto in mediana).

Lazovic 6 – Crea pericoli quando affonda. Al contrario, soffre nel contenere Cuadrado sulle scorribande del colombiano.

Colley 6,5 – Frizzante, crea apprensione alla difesa bianconera con i suoi guizzi. Si esalta a campo aperto, deve acquisire concretezza.

Zaccagni 7 – Si vede poco nel primo tempo. Più determinato e presente dopo l’intervallo: un suo destro da fuori impegna Szczesny. Assist illuminante per il vantaggio di Favilli.

Kalinic 6,5 – Fa a sportellate con Bonucci, vince il duello fisico al cospetto del capitano bianconero. Spaventa Szczesny, lavoro sporco prezioso al servizio dei compagni.  (55′ Favilli 7 – Quanto basta per bucare Szczesny con il gol dell’ex. Sfortunato: costretto alla sostituzione per infortunio dopo appena 6 minuti; 61′ Barak 6 – Prezioso contributo nelle fasi calde del match).

All. Juric 7 – Verona arcigno, che mette alle strette la Juventus malgrado un finale in sofferenza. Punto d’oro e meritato all’Allianz Stadium.

Arbitro: Pasqua 5,5 – Finale convulso, fatica a gestirlo. Anche in altre situazioni non mostra sicurezza.

TABELLINO

Juventus-Verona 1-1
60′ Favilli (V); 77′ Kulusevski

Juventus (3-4-1-2): Szczesny; Demiral, Bonucci (75′ Frabotta), Danilo; Cuadrado, Arthur, Rabiot, Bernardeschi (60′ Kulusevski); Ramsey (90′ Vrioni); Dybala, Morata. A disposizione: Pinsoglio, Buffon, Portanova McKennie, Peeters, Bentancur, Rafia. Allenatore: Pirlo

Verona (3-4-2-1): Silvestri; Ceccherini (55′ Magnani), Lovato, Empereur; Faraoni, Vieira, Tameze (51′ Ilic), Lazovic; Colley, Zaccagni; Kalinic (55′ Favilli; 61′ Barak). A disposizione: Berardi, Pandur, Dimarco, Dawidowicz, Cancellieri, Ruegg, Amione, Terraciano, Salcedo. Allenatore: Juric

Arbitro: Pasqua (sez. Tivoli)
VAR: La Penna
Ammonizioni: Vieira (V), Lazovic (V), Empereur (V), Faraoni (V), Kulusevski (J)
Espulsioni:
Note: recupero 2′ e 5′