Caos Juventus-Napoli, Ronaldo e chi ha lasciato la ‘bolla’ sarà segnalato in Procura

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:37
ronaldo juventus napoli procura
Cristiano Ronaldo (Getty Images)

Nuova puntata della vicenda legata a Juventus-Napoli: i giocatori volati in nazionale, tra cui Cristiano Ronaldo, saranno segnalati in Procura

La vicenda Juventus-Napoli continuerà a produrre strascichi. Poche ore fa il Giudice Sportivo ha sostanzialmente rinviato la decisione sul match che non si è giocato domenica sera in seguito alla mancata partenza del Napoli in direzione Torino. La partita in questione è rimasta ‘sub iudice’, ma le polemiche non smettono di correre da diversi giorni a questa parte. Il discorso è soprattutto relativo alle competenze decisionali di ASL e Federazione su protocollo e non solo. In tutto questo, l’ennesimo interrogativo è sorto con la partenza dei giocatori della Juventus verso i ritiri delle rispettive nazionali.

LEGGI ANCHE >>> Caos Juventus-Napoli, Zampa: “La Asl aveva titolo. Spettacolo penoso!”

LEGGI ANCHE >>> Caos Juventus-Napoli, avv. Grassani: “Il club non è indagato”

Calciomercato Juventus, Psg al lavoro per Cristiano Ronaldo: le ultime
Cristiano Ronaldo @ Getty Images

Juventus-Napoli, Ronaldo e gli altri nazionali segnalati in Procura

I bianconeri sono attualmente in isolamento fiduciario al J Hotel a seguito dalla positività di due componenti dello staff juventino. Sei di loro, però, in queste ore hanno lasciato la ‘bolla’ per raggiungere appunto le proprio nazionali: si tratta di Ronaldo, Cuadrado, Dybala, Bentancur, Danilo, Demiral, oltre a Buffon (gli ultimi due, però hanno lasciato l’Hotel per raggiungere la propria abitazione torinese). Come riporta ‘Il Corriere della Sera’, la Asl Città di Torino segnalerà in Procura i calciatori della Juventus che hanno lasciato il J Hotel o il loro domicilio privato per raggiungere i ritiri delle rispettive nazionali. Rabiot, invece, raggiungerà la Francia solo dopo l’esito del doppio tampone. “È stata la stessa società a segnalarci che alcuni calciatori avevano lasciato il luogo di isolamento – conferma Roberto Testi, direttore del Dipartimento di Prevenzione della Asl Città di Torino – e perciò noi notizieremo l’autorità competente, cioè la Procura, di quanto avvenuto”.