Cagliari-Juventus, Sarri shock: “Con la Roma vedremo se schierare l’Under 23”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:29

Le parole dell’allenatore della Juventus Maurizio Sarri dopo la sconfitta indolore sul campo del Cagliari nel penultimo turno di Serie A

Sconfitta indolore per la Juventus, ko sul campo del Cagliari. I bianconeri perdono dopo la conquista dello scudetto e Maurizio Sarri a ‘DAZN’ commenta così la prestazione dei suoi: “Il dato dei gol subiti può preoccuparci, ma non la partita di stasera. Venivamo da un campionato vinto 68 ore fa, per motivazioni è una partita atipica e va presa per quella che è. Se parliamo di altre cose dobbiamo diventare più solidi”.

Tra pochi giorni c’è subito la Champions con il Lione: “Dei problemi ce li ha creati anche la Lega, siamo gli unici a giocare 5 partite in 12 giorni. Vedremo se sarà il caso di schierare l’Under 23 nell’ultima partita (contro la Roma, ndr) per recuperare le energie in vista del Lione.

Su Cristiano Ronaldo: “Non è codificabile per movimenti, è un istintitvo ed è la sua forza, deve essere l’altro attaccante ea vedere i suoi movimenti. Stasera magari non era al top. Cercato spesso? È un condizionamento psicologico da parte dei compagni, il giocatore più forte e rappresentativo viene cercato con insistenza, a volte anche eccessiva. Ieri era motivato, voleva giocare e si sentiva bene, abbiamo deciso insieme. Si rendeva conto del suo fisico e si sentiva bene”.

Dubbi sul Lione? “Abbiamo lasciato a casa 9 infortunati quindi ora ho un po’ di dubbi. Facciamoci ci venire i dubbi in base a quelli che potremo recuperare”.