Spal-Inter, Conte: “Juve troppo lontana. Eriksen è timido”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:56

Le parole di Antonio Conte al termine di Spal-Inter. I nerazzurri risalgono al secondo posto, avvicinando la Juventus, adesso a sei punti

Esulta Antonio Conte, che risale al secondo posto dopo il 4-0 alla SPAL. Ecco le parole del tecnico dell’Inter al termine del match di Ferrara: “Era importante dare un segnale di continuità, di convinzione, di voglia, di determinazione – ammette ai microfoni di ‘DAZN’ – Sembrano partite scontate ma di facile non c’è mai nulla. Siamo scesi in campo con il desiderio di tornare al secondo posto. Sono sei punti dalla Juventus, sono troppo lontani. I passi falsi alla fine li potremmo pagare a caro prezzo”.

Per restare aggiornato con tutte le news legate al mondo del calcio CLICCA QUI

ERIKSEN – “Sta lavorando e cercando di entrare in determinati meccanismi. La Serie A è più tattica della Premier. Sta alzando il tasso di aggressività, oggi ha fatto una buona partita come i suoi compagni. Deve continuare a lavorare. Eriksen timido? Sono totalmente d’accordo, è timido, non puoi volergli bene… è arrivato molto umile e sta cercando di ambientarsi. Dobbiamo cercare di scioglierlo, è solo questione di tempo”

CENTROCAMPO PIU’ LIBERO – “Abbiamo cambiato dopo la ripresa, cercando di creare più imprevedibilità. Siamo l’unica squadra che ha portato 18 giocatori al gol. Ora rischiamo qualcosina in più ma è cresciuto l’indice di pericolosità”.

SANCHEZ – “E’ un giocatore che abbiamo voluto fortemente. Veniva da due stagioni non buone ma sapevo cosa ci portavamo a casa. Peccato che si è fatto male. Futuro? E’ giusto parlarne con la società per il suo futuro però posso dire che è totalmente ritrovato. Ha fame e sono felice per lui”.

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE:

PAGELLE E TABELLINO SPAL-INTER 0-4: Sanchez devastante, Petagna non basta

SPAL-Inter, furia Di Biagio: Conte lo placa