Verona-Inter, Conte: “Se parlo mi massacrate. Faremo i conti a fine stagione”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:19
Conte Inter-Fiorentina
Conte a 'Sky Sport' nel post partita di Inter-Sampdoria

Le dichiarazioni di Antonio Conte al termine di Verona-Inter. Ecco le parole del mister nerazzurro, apparso amareggiato per i due punti persi

Antonio Conte ha commentato a caldo il pareggio contro il Verona ai microfoni di Sky Sport: “Dal punto di vista dell’impegno e della voglia non ho nulla da rimproverare ai ragazzi. Oggi abbiamo risposto in tutto e per tutto ad una squadra che fa dei ritmi alti la sua arma migliore. C’è il solito rammarico per il gol preso nei minuti finali da un fallo laterale. Avremmo meritato di vincere la partita”.

Per restare aggiornato con tutte le news legate al mondo del calcio CLICCA QUI

PUNTI PERSI – “Si sta facendo un lavoro importante e si vede quello che stiamo facendo. Aver perso 20 punti deve far riflettere per spingerci a migliorare. Abbiamo perso punti per strada da stupidi. Bisogna essere più bravi a gestire determinate situazioni. L’esperienza può dare una mano. Ma dobbiamo dire che il Verona nel secondo tempo non ha mai tirato in porta”.

CRITICHE – “IO parlo sempre in maniera costruttiva, i ragazzi sanno che le mie non sono delle critiche. Cosa serve per migliorare? Non rispondo se no mi massacrate, è un giochino che comunque mi va bene… A fine anno tutti faremo le nostre considerazioni, se c’è qualcosa da dire lo dirò al club. A tutti piacerebbe vincere ma bisogna capire quanto si è vicini o lontani dal vincere“.

ERIKSEN – “Ha giocato tante partite, è un giocatore che sta crescendo. Lo stiamo cercando di inserire in un contesto. Facciamo delle rotazioni perché è importante recuperare tutti”.

SANCHEZ – “Non parlo dell’anno prossimo, bisogna fare le giuste valutazioni al termine della stagione, quindi non mi interessa parlare cosa succederà”.

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE:

VOTI E TABELLINO Verona-Inter 2-2: Lukaku-Sanchez non bastano. Conte ritarda i cambi, Amrabat ovunque

Verona-Inter, scintille tra le panchine: battibecco Juric-Conte