Milan-Juventus, da Calhanoglu a Ibra e Hernandez: dubbi e certezze di Pioli

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:44

Le parole in conferenza stampa di Stefano Pioli alla vigilia di Milan-Juventus, big match della 31a giornata di Serie A

Neanche il tempo di godersi il successo sulla Lazio e per il Milan c’è la sfida alla Juventus. Seconda e prima in classifica nel giro di tre giorni per i rossoneri e Stefano Pioli in conferenza parla della necessità di recuperare energie: “Abbiamo stimoli per far fronte al dispendio di energie e daremo il massimo”.

Pioli svela la ricetta per continuare a fare bene: “Eccellere in tutto: giochiamo contro chi domani da anni e allora per tenere testa alla Juve dobbiamo eccellere in ogni fase”. trauma. Spero di averlo disponibile, lo vedremo stasera”.

Un problema è rappresentato dagli acciaccati come Calhanoglu e il rientrante Ibrahimovic: “Si è contratto il polpaccio in seguito ad un trauma, vedremo tra stasera e domani. Ibra invece migliorerà la condizione giocando. Il minutaggio può salire, mi auguro che lo farà. Ha giocato 45′ dopo tanti mesi. Mentalmente e per presenza in campo è il calciatore più forte che ho allenato”.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Milan, nuovi colloqui per Bonaventura: lo vuole una big

Sempre in tema dei singoli, il tecnico del Milan si sofferma su Kessie ed Hernandez: “Può essere un calciatore di livello per le qualità che possiede. Gli è mancata continuità, deve essere più presente e attento. Come condizione fisica è in crescita, non accusa la fatica. Theo è offensivo e questa sua caratteristica è importante per noi. Vuole diventare un top player e si sta applicando anche in fase difensiva: può diventare uno dei terzini più forti al mondo”.

Infine, sul futuro: “Non penso al 3 agosto ma alle prossime gare: voglio la soddisfazione di aver dato il massimo in un club prestigioso come il Milan. Meritiamo di finire bene il campionato per quanto fatto finora, poi si prenderanno le decisioni”.