Lazio-Fiorentina, Commisso non ci sta: “Necessario utilizzo più significativo e utile del VAR”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:26
Commisso Iachini positivo Coronavirus
Rocco Commisso (Getty Images)

Anche il presidente della Fiorentina, Rocco Commisso, ha commentato gli episodi arbitrali di Lazio-Fiorentina: “Le squadre devono poter chiamare il Var”

Polemiche piuttosto accese dopo LazioFiorentina, partita vinta dalla squadra di Inzaghi anche grazie ad un rigore dubbio su Caicedo non fatto revisionare dal Var. Il figlio del direttore generale della Fiorentina Joe Barone è una furia. E anche il presidente viola Commisso, attraverso il sito ufficiale della società, non ci sta soprattutto sull’utilizzo della tecnologia: “Vedendo le immagini e sentendo e leggendo i commenti internazionali delle televisioni, dei siti e dei social media con molte critiche relative alla gestione arbitrale della gara, mi viene da chiedere come mai dopo più esempi che hanno riguardato non solo la Fiorentina ma anche tante altre squadre, non è stato ancora deciso un utilizzo più significativo e sopratutto utile della tecnologia e del VAR nello specifico”.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Juventus, Arthur ‘obbligato’ a giocare col Barça | Ultime CM.IT

Fiorentina, Commisso: “Le squadre devono poter chiamare il Var”

Il patron della Fiorentina ha poi proseguito: “Come ho fatto presente già diversi mesi fa, continuo infatti pensare che debba essere data la possibilità alle squadre di richiamare gli arbitri all’utilizzo del VAR, con regole da definire, così da permettere a tutti di non avere dubbi e di avere la certezza che tutto è stato giudicato nel migliore modo possibile”.

Calciomercato Fiorentina Commisso
Rocco Commisso (Getty Images)

“Su questo tema continuerò ad essere la prima persona che si batterà – conclude Commisso – per il rispetto della Fiorentina e del Popolo Viola e per il calcio italiano in generale”.

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE: 

Calciomercato Inter, tutto fatto per Hakimi | Le ultime di CM.IT

Lazio-Fiorentina, Immobile sbotta: “La gente non capisce”