PAGELLE E TABELLINO LAZIO-FIORENTINA: Luis Alberto decisivo, Dragowski pasticcia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:53
pagelle lazio fiorentina
Luis Alberto esulta dopo il gol (Getty Images)

Le pagelle Lazio-Fiorentina 2-1, match valido per la 28a giornata di Serie A: Ribery illude, Luis Alberto decide

Lazio 
Strakosha 6 – Ghezzal lo sorprende con un sinistro morbido dal limite: salvato dalla traversa. Chiude lo specchio a Dalbert in tuffo nel primo tempo. E’ coperto da alcuni giocatori quando Ribery conclude a rete.
Patric 5,5 – Concorso di colpa con Parolo in occasione del gol di Ribery. Unica, ma pesante pecca in una partita tutto sommato diligente.
Acerbi 6 – Vince il duello personale con Cutrone. Sicurezza.
Bastos 5,5 – Irruento nelle entrate in scivolata. Prova a farsi vedere in avanti alla ricerca del pareggio. Spigoloso. Dal 46’ Radu 6 – Esperienza e personalità al servizio della squadra.
Lazzari 6,5 – Quando parte semina il panico. Chiedere a Dalbert. Corre su e giù per l’out di destra senza sosta. Motorino. Dall’80’ Marusic s.v.
Milinkovic 6,5 – L’intesa con Lazzari, pronto a scattare sui suoi lanci, c’è. Mette il fisico nei contrasti, ma non è supportato a dovere.
Parolo 5,5 – Prende un giallo in avvio di gara. Resta a guardare, invece di intervenire, quando Ribery punta Patric. L’impegno però c’è.
Luis Alberto 7 – I calci piazzati sono tutti suoi. Dai suoi piedi nasce sempre qualcosa di interessante. Decide il match con un destro chirurgico. Dal 90’ D. Anderson s.v.
Jony 6 – Non è al top della condizione. Non punge quasi mai. Mette i brividi a Dragowski con una conclusione dalla distanza. Dall’80’ Lukaku s.v.
Caicedo 6,5 – Imperioso nel gioco aereo. Si guadagna il rigore, costringendo Dragowski all’uscita fallosa. Dal 69’ Correa 6 – Si abbassa per ricevere il pallone. Dà il suo contribuito in fase offensiva.
Immobile 6,5 – Nel primo tempo lontano parente del bomber ammirato prima del lock-down. Si sblocca nella ripresa, spiazzando Dragowski su rigore. Si divora il possibile 2-1.
All. S. Inzaghi 6,5 – Ha gli uomini contati per i tanti infortuni. La formazione è d’emergenza, ma vince in rimonta.

Fiorentina
Dragowsky 4,5 – Non corre grandi pericoli nel primo tempo. Frana su Caicedo, causando il rigore del pareggio. Potrebbe fare di più sul gol di Luis Alberto.
Milenkovic 6 – Controlla bene le ripartenze di Immobile.
Pezzella 6 – Comanda il reparto arretrato con autorevolezza. Punto di riferimento. Deciso nelle chiusure.
Ceccherini 5,5 – Si limita al compitino. Prestazione quasi sufficiente. Dal 74’ Venuti 5 – Forze fresche per far rifiatare i compagni.
Lirola 5 – Non affonda quasi mai il piede sull’acceleratore. Contiene bene le avanzate di Jony.
Badelj 5,5 – Fulcro del gioco. Aiuta sia in fase difensiva che in fase di costruzione. Cala con il passare dei minuti. Dall’84’ Pulgar s.v.
Castrovilli 6 – Ci prova su punizione, ma la barriera respinge. Quando la Lazio tenta l’arrembaggio, rientra nella propria metà campo. Cresce nella ripresa.
Dalbert 5 – Prende un giallo, ci prova da fuori e si fa vedere sulla sinistra. Manca di concentrazione. Dal 46’ Igor 6 – Entra subito in partita. Prezioso.
Ghezzal 6 – Si muove tra le maglie biancocelesti con alterne fortune. Beffa Strakosha con il sinistro da fuori area, ma prende la traversa.
Cutrone 5 – Il duello con Acerbi è infinito. Marcato a uomo, fa quello che può. Dal 62’ Vlahovic 4 – Tocca pochi palloni e si fa espellere.
Ribery 7 – Ruba palla e conduce le ripartenza viola. Il gol è un capolavoro per tecnica ed intuizione. Uomo squadra. Dall’84’ Sottil s.v.
All. Carillo 6 – Sostituisce lo squalificato Iachini in panchina. La sua squadra parte bene, ma poi si perde.
Arbitro Fabbri 5 – Ammonisce ingiustamente Parolo che interviene su Ribery, toccando il pallone. La Lazio lamenta un mani di Badelj in area di rigore. Qualche dubbio sul penalty per contatto tra Dragowski e Caicedo, così come sulla mancata espulsione di Radu. Giusta l’espulsione di Vlahovic per una gomitata.

TABELLINO LAZIO-FIORENTINA 2-1
Lazio (3-5-2): Strakosha; Patric, Acerbi, Bastos (dal 46’ Radu); Lazzari (dall’80’ Marusic), Milinkovic, Parolo, Luis Alberto (dal 90’ D. Anderson), Jony (dall’80’ Lukaku); Caicedo (dal 69’ Correa), Immobile. A disposizione: Proto, Guerrieri, Armini, Vavro, Silva, Falbo, A. Anderson, Correa. All. Simone Inzaghi

Fiorentina (3-4-3): Dragowsky; Milenkovic, Pezzella, Ceccherini (dal 74’ Venuti); Lirola, Badelj (dall’84’ Pulgar,), Castrovilli, Dalbert (dal 46’ Igor); Ghezzal, Cutrone (dal 62’ Vlahovic), Ribery (dall’84’ Sottil). A disposizione: Terracciano, Dalle Mura, Terzic, Agudelo, Benassi, Beloko, Duncan. All. Carillo
Arbitro: Fabbri di Ravenna
Reti: 25’ Ribery (F), 66’ Rig. Immobile (L), 82’ Luis Alberto (L)
Ammoniti: Dalbert (F), Parolo (L), Milinkovic (L), Milenkovic (F), Bastos (L), Jony (L), Radu (L).

Espulsi: Vlahovic.