Stella Rossa, UFFICIALE: cinque calciatori positivi dopo la festa con i tifosi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:02

In Serbia ansia per la positività di cinque giocatori nella Stella Rossa, soprattutto dopo la festa scudetto con migliaia di persone

Preoccupazione in Serbia, dove il calcio è già ripartito assegnando a maggio il primo titolo di campione nazionale dalla ripartenza post-Covid: a vincerlo è stata la Stella Rossa. Il 10 giugno scorso, invece, si è giocato anche il derby con il Partizan Belgrado le cui immagini hanno fatto il giro del mondo visto lo stadio pieno di tifosi. In Serbia, infatti, porte aperte e non solo: lo scorso weekend è andata in scena la festa della Stella Rossa con migliaia di tifosi per le strade, circa 10mila. Insieme ai giocatori.

stella rossa scudetto serbia
Giocatori della Stella Rossa (Getty Images)

Stella Rossa, UFFICIALE: cinque giocatori positivi al coronavirus

Oggi è arrivato il comunicato ufficiale della Stella Rossa che senza dubbio lancia un allarme: ben cinque calciatori sono risultati positivi al coronavirus. Si tratta di Marko Gobeljic, Njegos Petrovic, Dusan Jovancic, Marko Konatar and Branko Jovicic. Tutti i giocatori “stanno bene, sono in stretto isolamento e in contatto costante con lo staff medico del club. Gobeljic, Jovancic, Petrovic e Konatar avevano avuto dei sintomi prima del match contro il Proleter ed erano rimasti a casa per precauzione. Branko Jovicic invece non aveva sintomi e non li ha neanche ora, ma ora è risultato positivo”.

Per restare aggiornato con tutte le news legate al mercato e non solo CLICCA QUI!

La nota ufficiale continua: “La condizione dei giocatori è monitorata attentamente e un nuovo test verrà effettuato prima che inizi la preparazione per la prossima stagione. È importante precisare che tutti gli altri giocatori, membri dello staff, manager in contatto diretto con la prima squadra sono risultati negativi. La Stella Rossa sta usando tutte le protezioni necessarie per continuerà a farlo. Informeremo anche il pubblico in futuro su tutti i dettagli necessari nella lotta al coronavirus, se ce ne saranno”.