Coronavirus, Conte: “Trasformiamo l’emergenza in opportunità”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:12

Dopo aver parlato alla Camera il premier Conte ha preso la parola anche al Senato per fare il punto della situazione.

ROMA – Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, è intervenuto in diretta al Senato dopo aver parlato alla Camera: “Attivare il motore delle opere pubbliche è una priorità per tutte le forze di maggioranza che sostengono questo Esecutivo, ma sono convinto che troveremo un dialogo anche sulle opposizioni. In questa fase sono importanti test molecolari. Il 25 maggio partiranno i test sierologici gratuiti per 150mila cittadini per esclusiva finalità di ricerca scientifica. Per farli occorrerà uno sforzo che si basa sul lavoro di volontari sul territorio. Sostengo è un concetto che non deve essere incompatibile con rilancio. Per quanto riguarda le attività commerciali al dettaglio e le attività di ristorazione, ne abbiamo fissato la riapertura per il 18 maggio, in virtù dei rigorosi protocolli di sicurezza adottati e nella consapevolezza della grave sofferenza economica accumulata da questi settori”.

APP IMMUNI – “Il contact tracing è il secondo pilastro e il governo ha introdotto una disciplina per realizzare la app Immuni nel pieno rispetto della privacy e della sicurezza nazionale. Nei prossimi giorni partirà la sperimentazione su questa nuova applicazione, i dati verranno usati solo per la tracciabilità del virus”.

AIUTI – “Tutelare la nostra struttura produttiva richiede un ulteriore sforzo. Lo abbiamo fatto con significativi agevolazioni fiscali. Ci saranno sconti notevoli per chi ricapitalizza. Il decreto interviene ad istituire un apposito fondo per. Patrimonio rilancio che potrà impiegare risorse per il sostegno e rilancio delle grandi imprese nel rispetto del quadro normativo europeo. All’interno del decreto ci sono misure per le famiglie, in particolare con figli. Potenziamo il bonus babysitting. Aggiungiamo anche la possibilità di usare il bonus per i servizi dell’infanzia. Attività ludiche e ricreative per i nostri piccoli”.

TURISMO –Colgo l’occasione per esortare gli italiani a fare le vacanze in Italia, scopriamo le bellezze che ancora non consociamo e torniamo a godere di quelle che conosciamo già. È il modo migliore per contribuire a rilancio economia. Il decreto rilancio dedica poi particolare attenzione anche alturismo, un comparto che mobilita oltre il 13% del nostro PIL, e che sarà messo a dura prova dall’impatto globale del Covid-19. Per sostenere il settore sarà cruciale puntare, in misura ancora superiore rispetto al passato, sulla mobilità interna, siamo consapevoli che il turismo richiede ulteriori interventi, che ci riserviamo di attivare non appena sarà definito il piano dei finanziamenti alla ripresa in sede europea”.

PAURE –Avverto le paure, le ansie e le inquietudini di chi teme di veder vanificati i propri sacrifici. Non mi sfuggono la gravità e la profondità di questa crisi testimoniata da gesti forti. E’ una prova molto dura dalla quale ci rialzeremo in fretta se ognuno farà la propria parte. Le norme che sono nel decreto legge consentono soprattutto di erogare prestiti garantiti in modo molto rapido eppure in molti casi gli istituti bancari non riescono a rispettare queste tempistiche”.

FUTURO – L’Italia non può più attendere ed è questo il momento della svolta. Se non riusciremo nell’opera di semplificazione in questa situazione di emergenza dubito che riusciremo in futuro”.

Infine Conte: “Sarà importante l’innovazione. Dobbiamo favorire la creatività imprenditoriale potenziando anche la dotazione digitale delle nostre scuole. Sono investimenti preziosi. Abbiamo tante eccellenze e dobbiamo valorizzarle. La crisi del Covid-19 si sta rivelando profonda e drammatica. Ci restituisce il bisogno di una società che pone al centro la salute e i beni comuni. La garanzia del benessere individuale e collettivo non può essere più considerata un mero corollario dell’attività economica. Spetta a noi trasformare questa emergenza in opportunità”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>> Coronavirus, Conte: “Non è tempo di assembramenti. Dal 25 test seriologici gratis”