Spalletti senza tregua: altri due titolari lasciano il ritiro. Convocato un attaccante

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:49

Due titolari della partita di ieri sera contro la Macedonia del Nord hanno appena lasciato il ritiro azzurro per un infortunio: Spalletti ha chiamato un altro attaccante

Piove sul bagnato per l’Italia. Dopo il pareggio in casa della Macedonia del Nord, Luciano Spalletti deve fronteggiare altre due assenze pesanti. Se nei giorni scorsi, prima ancora del match di Skopje, la Nazionale aveva perso già Chiesa e Pellegrini rientrati ai rispettivi club, oggi anche altri due titolari di ieri sono stati costretti a lasciare il ritiro azzurro.

Spalletti a testa bassa
Luciano Spalletti (LaPresse) – calciomercato.it

Si tratta di Matteo Politano e Gianluca Mancini, entrambi colpiti da un infortunio durante la sfida pareggiata con la Macedonia. A confermarlo è stato il sito della Figc con una nota ufficiale: “A seguito degli infortuni subìti ieri nel corso della gara Nord Macedonia-Italia, i calciatori Gianluca Mancini (affaticamento muscolare adduttori coscia destra) e Matteo Politano (risentimento muscolare tricipite surale destro) hanno lasciato il ritiro della Nazionale, per far rientro al proprio club e seguire le cure del caso. Il Ct Luciano Spalletti, considerata la diagnosi medica, ha deciso di rilasciare i calciatori ai club, nell’ambito di un costruttivo rapporto di reciproca collaborazione”.

Nazionale, Mancini e Politano ko: Spalletti convoca Orsolini

Al loro posto, l’ex allenatore del Napoli ha convocato un altro esterno offensivo: “In vista della gara degli Azzurri in programma martedì con l’Ucraina, valutate anche le precedenti rinunce a Pellegrini e Chiesa, il Ct ha convocato Riccardo Orsolini (Bologna), che raggiungerà nel pomeriggio il centro sportivo di Milanello, dove la Nazionale è in ritiro da ieri notte”, aggiunge il comunicato. Quindi nessun difensore in sostituzione a Mancini, ma vista la potenziale coperta corta sugli esterni Spalletti ha optato per il giocatore rossoblù. Martedì la sfida a questo punto quasi decisiva contro l’Ucraina a San Siro. Di sicuro una brutta notizia anche per Mourinho e Garcia in vista dei match contro Empoli e Genoa.