“Ingiustizia evidente”: Elkann passa al contrattacco a difesa della Juventus

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:50

La Juventus penalizzata di 15 punti in classifica dopo la sentenza per il caso plusvalenze: arriva la replica della proprietà e dell’Ad di Exor John Elkann

La Juventus aspetta nelle prossime settimane la decisione del Collegio di Garanzia del Coni dopo la pena inflitta al club bianconero dalla Corte Federale d’Appello, che ha penalizzato con 15 punti in classifica la ‘Vecchia Signora’ per il caso plusvalenze.

Juventus, Elkann sul caso plusvalenze
John Elkann – Calciomercato.it

La squadra di Massimiliano Allegri si ritrova adesso al decimo posto e distante 14 punti dalla Roma che occupa al momento l’ultimo piazzamento utile per l’accesso alla prossima Champions League. La Juve per bocca della nuovo dirigenza con Ferrero presidente e Scanavino Ceo proverà a difendersi con tutte le sue forze anche in vista del nuovo filone d’inchiesta sulla manovra stipendi e falso in bilancio, con i vertici bianconeri compatti attorno alla squadra e che hanno seguito dalla tribuna dell’Allianz Stadium l’ultima partita di campionato pareggiata per 3-3 contro l’Atalanta. A seguire il match c’era anche John Elkann, Ad di Exor e controllante della società piemontese: “La Juventus è la squadra italiana più amata e seguita: rappresenta il nostro calcio nazionale. L’ingiustizia di questa sentenza è evidente: in molti l’hanno rilevato, anche non di fede bianconera e noi ci difenderemo con fermezza per tutelare l’interesse dei tifosi della Juve e di tutti quelli che amano il calcio“, le parole di Elkann ai quotidiani ‘Repubblica’ e ‘La Stampa’.

L’appello di Elkann: “Cambiamo il calcio, la Juve non è il problema”

John Elkann ricorda il nonno Gianni Agnelli a 20 anni dalla scomparsa dell’avvocato e fa un appello alle massime istituzioni del calcio dopo la sentenza sul caso plusvalenze che ha colpito la ‘Vecchia Signora’.

Juventus, Elkann difende il club sulle plusvalenze
Elkann con i tifosi bianconeri – Calciomercato.it

“Spero che insieme alle altre squadre e al Governo possiamo cambiare il calcio nel nostro Paese, per costruire un futuro sostenibile e ambizioso. La Juventus non è il problema ma è, e sarà sempre, parte della soluzione. Qui è in gioco il futuro della Serie A, che sta diventando marginale e irrilevante. Negli ultimi 20 anni la Juventus ha vinto 11 scudetti sul campo, 6 supercoppe italiane, 5 coppe Italia, più i successi delle Women. Il titolo mondiale del 2006 e l’europeo del 21 sono stati vinti da una Nazionale con forte dorsale juventina. E con la vittoria quest’anno dell’Argentina la Juve è la squadra con più giocatori che hanno conquistato un campionato del mondo”, ha concluso Elkann.