Alta tensione Samp, tifosi bloccano l’uscita della squadra: ecco come sono andate le cose

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:52

Situazione in rapida evoluzione in casa Sampdoria: atmosfera pesante al Ferraris. I tifosi vogliono un confronto con la squadra.

Si sarebbe dovuta configurare come la partita della svolta quella contro il Lecce, ed invece la Samp è nuovamente incappata in una sconfitta che definire sanguinosa sarebbe solo ed esclusivamente un eufemismo. Al termine di 95 minuti in cui i blucerchiati hanno comunque attaccato, rendendosi protagonisti di molte azioni pericolosi, il Lecce è riuscito a mettere le mani su una vittoria pesantissima.

Alta tensione Samp, tifosi bloccano l'uscita della squadra: ecco cosa sta succedendo
Tifosi Sampdoria ©LaPresse

I goal di Colombo e Banda hanno fatto sprofondare i blucerchiati sempre più nel baratro della zona retrocessione. La panchina di Dejan Stankovic, stando così le cose, traballa sempre più pericolosamente. Al momento bocche cucite in casa Samp, mentre fuori dallo stadio i tifosi hanno esternato tutto il proprio dissenso. Come riferito da DAZN, infatti, c’è grande tensione all’uscita del Ferraris. Un numero folto di tifosi si è radunato proprio all’uscita del corsello, da dove uscirà il pullman della squadra. I supporters della Doria stanno aspettando i calciatori o anche i dirigenti per farsi spiegare la situazione. La tensione è palpabile, con i tifosi che di fatto bloccano l’eventuale uscita del pullman della squadra.

22.30 Il pullman della squadra è uscito intorno alle 22.30, quando ormai la maggior parte dei tifosi si era dileguata. Nessuno scontro: si segnalano soltanto insulti e cori all’indirizzo della squadra.

21.30  Secondo quanto riportato da gazzetta.it, la polizia è stata costretta a creare un cordone di sicurezza per evitare che i tifosi potessero avvicinarsi alla zona spogliatoi.

21:00 – Come evidenziato dall’ANSA, sono almeno 200 i tifosi della Samp riunitisi in Corso De Stefanis per aspettare l’uscita del pullman della squadra, contestata con numerosi cori polemici.