Milan a secco senza Giroud: attacco nel mirino, Pioli vede scappare il Napoli

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:20

Le dichiarazioni del tecnico rossonero in conferenza stampa al termine del match di Cremona: attacco sotto accusa

Il Milan di Stefano Pioli esce con un pareggio da Cremona e fa scappare il Napoli. I rossoneri sprecano tanto nel corso del primo tempo, anche per via di un super Carnesecchi, ma nella ripresa si sciolgono come neve al sole.

Pioli in conferenza stampa dopo Cremonese-Milan
Pioli in conferenza stampa

Gli ingressi di Rafael Leao e Charles De Ketelaere non cambiano la partita, anzi. I rossoneri col passare del tempo faticano a trovare opportunità da gol e il match si chiude così a reti bianche.

Come detto, ora per lo Scudetto si fa davvero dura. Otto punti dopo quattordici giornate sono davvero tanti. Il Napoli è scappato via e Pioli – intervenuto in conferenza stampa – è lucido nell’ammetterlo: “Il distacco ora é notevole – afferma il tecnico del Milan -. I meriti li hanno loro ma noi abbiamo qualche demerito. Stasera non siamo riusciti a giocare con qualità. Torniamo a casa con un risultato parzialmente positivo. La squadra ha subito pochissimo e recuperato tanti palloni. L’aspetto tattico ha influito. Le partite si complicano quando non la sblocchi contro avversarie che si chiudono. Ho visto una squadra generosa. Ha messo tutto dal punto di vista del carattere e non della qualità“.

Milan, zero gol: senza Giroud si fa fatica

Pioli in conferenza stampa dopo Cremonese-Milan
Divock Origi ©LaPresse

E’ mancato, dunque, il guizzo in avanti, è mancato Olivier Giroud. L’attaccante francese oggi era squalificato dopo il rosso rimediato contro lo Spezia. Il Milan, stasera, non è riuscito a trovare la via del gol: “Dovevamo muoverci più velocemente – ha ammesso Pioli in conferenza -. Con difese così chiuse, i duelli offensivi erano molto importanti ma stasera non siamo stati qualitativamente alti da questo punto di vista”.

Rafael Leao, come detto, non è riuscito ad accendere la luce e il Milan ha faticato terribilmente. Pioli si aspettava ben altro da Ante Rebic e Divock Origi: il croato e il belga hanno deluso, al pari del portoghese. E’ evidente che dopo la Fiorentina, durante la pausa per il Mondiale, verranno fatte delle riflessioni perché in attacco, senza Giroud, non si riesce a trovare la via del gol. I numeri sono impietosi: il croato è fermo a tre centri, il belga è invece ad uno. Non fa meglio Charles De Ketelaere. Anche oggi l’ex Club Brugge non è riuscito a lasciare il segno e dopo quattordici giornate è ancora a secco. Domenica, fortunatamente, Pioli potrà tornare a contare sul suo numero nove per chiudere bene il 2022.