Allegri si sfoga dopo Juventus-Psg: retroscena su Chiesa

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:41

Il tecnico della Juventus, Massimiliano Allegri, è intervenuto ai microfoni del post partita, dopo la sconfitta in Champions contro il PSG

Prestazione nel complesso incoraggiante. La Juventus esce sconfitta dall’ultimo scontro in Champions con il Paris Saint Germain targato Christophe Galtier. Gli uomini guidati da Massimiliano Allegri perdono 1 a 2 la super sfida e raggiungono comunque l’obiettivo Europa League, grazie anche alla travolgente sistina rifilata dal Benfica al Maccabi Haifa.

Allegri si sfoga dopo Juventus-Psg: retroscena su Chiesa
Allegri a Mediaset

Si è visto carattere, quello che spesso e volentieri è venuto a mancare nella truppa torinese, soprattutto in gare di maggior spessore. E, poi, bisogna assolutamente evidenziare il tanto atteso ritorno in campo di Federico Chiesa, a dieci mesi dal suo ultimo match giocato. Finalmente l’esterno ex Fiorentina è tornato a disposizione della ‘Vecchia Signora’ e adesso continuerà a lavorare per essere in un buon stato di forma da gennaio.

Durante il post partita, è intervenuto – ai microfoni di ‘Mediaset Infinity’ – mister Allegri, che chiede rabbia ai suoi per il mancato passaggio agli ottavi di finale: “Oggi abbiamo fatto una buona gara, peccato per il risultato. Ora siamo in Europa League e da domani bisogna voltare pagina per pensare al campionato. Dobbiamo essere arrabbiati e riprendere subito il nostro lavoro. Da un parte c’è la soddisfazione di essere in Europa League, ma dall’altra siamo arrabbiati perché questa eliminazione non può passare“.

Juventus-PSG, Allegri: “Chiesa va gestito fino al Mondiale”

Allegri si sfoga dopo Juventus-Psg: retroscena su Chiesa
Chiesa e Miretti © LaPresse

CHIESA:Ieri il suo allenamento è stato buono. Avevo dei dubbi riguardanti l’aspetto psicologico, cosa che è normale dopo dieci mesi. Doveva affrontare una gara importante, ma l’ho visto comunque sereno e tranquillo. Ieri mi ha dato l’ispirazione, convincendomi a portarlo in panchina“.

ANCORA SU CHIESA:Se conterò anche su di lui da qui alla sosta? Sì assolutamente, oggi ha fatto i suoi minuti dando buoni strappi. La sua voglia è tanta, va gestito fino al Mondiale. Ci prendiamo del tempo per averlo nelle migliori condizioni a gennaio“.

NUOVA JUVE?Gli infortuni ci hanno creato dei problemi. Alcuni sono stati muscolari, ma altri no. E non ci potevamo fare nulla. Domenica sera dovremo una partita difficile (contro l’Inter, ndr). Giocheremo contro la squadra più forte d’Italia. Senza dubbio sarà una sfida importante e delicata“.