PAGELLE e TABELLINO Barcellona-Inter 3-3: Barella e Lautaro straordinari, il solito Busquets

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:02

La squadra di Inzaghi sfiora la vittoria al Camp Nou: sugli scudi anche Calhanoglu e Bastoni. Nei blaugrana male i centrali. Xavi vicino a salutare la Champions

Pagelle Barcellona-Inter
Barella esulta dopo il gol del momentaneo 1-2 ©LaPresse

BARCELLONA

Ter Stegen 7 – Non sa nemmeno lui come ha respinto la conclusione ravvicinata di Dumfries. Paratona sul colpo di testa di Skriniar poco dopo il pareggio, non può nulla sui gol.

Sergi Roberto 7 – Fondamentale sul piano tattico, serve a Dembele una palla perfetta. (Dal 71′ Kessie 4,5 – Tra i colpevoli del 2-3 di Gosens)

Pique 4,5 – Non è più il difensore di qualche anno fa e in certe situazioni, vedi il pari di Barella, ciò è piuttosto evidente.

Eric Garcia 4,5 – Lautaro non è stato un cliente scomodo, perlomeno nel primo tempo. Nel secondo, invece, la musica cambia. Nell’azione del gol si fa fregare troppo facilmente dall’argentino.

Alonso 5,5 – Spinge tanto e prova a mettere il timbro, ma la mira è sbagliata. (Dal 71′ Balde 5 – Non fa faville, anzi l’Inter sfonda sempre dalla sua parte).

Pedri 6 – In fase di possesso va ad affiancare Lewandowski in attacco. Non fa davvero la differenza.

Busquets 4 – Solita platealità per tentare di ingannare l’arbitro. Il lupo perde il pelo ma non il vizio. Da un suo errore parte l’azione del vantaggio nerazzurro. (Dal 63′ de Jong 5 – Impalpabile, giocatore da ritrovare).

Gavi 5 – Duella senza tregua con Barella. Se lo perde sull’1-1. Grave colpa. (Dall’81’ Ferran Torres s.v.).

Dembele 7 – Cerca lo scontro fisico, di far salire la tensione. Indemoniato, voleva il gol e ci riesce. ll fallo su Darmian avrebbe forse meritato il rosso.

Lewandowski 7 – Un fantasma per quasi tutto il match. Si sveglia nel finale, siglando il 2-2 (la deviazione di Bastoni è decisiva) e poi il 3-3.

Raphinha 6,5 – Un po’ fumoso, ma è da lui che parte l’azione dell’uno a zero. Prende malissimo il cambio. (Dal 63′ Ansu Fati 5 – Combina davvero poco).

All. Xavi 5 – Si è fatto incartare da Inzaghi sia all’andata che al ritorno. Coi cambi fa molta confusione. Adios alla Champions a un passo.

INTER

Onana 7 – In due occasioni fa venire i brividi agli interisti. Su Gavi, in uscita, compie però un grande intervento. E allo scadere innesca alla grande il contropiede del 2-3.

Skriniar 6,5 – Il meno imperforabile del terzetto difensivo, ma comunque una gran partita. Ter Stegen gli nega la gioia del gol.

De Vrij 7 – L’Europa lo rigenera, Lewandowski non tocca palla a lungo.

Bastoni 7 – Due-tre interventi difensivi straordinari. Tecnica da Barcellona, chiedere a Barella. Sfortunato, spiazza Onana sul tiro di Lewandowski. (Dall’85’ Acerbi s.v.)

Dumfries 7 – Gli manca precisione nell’ultimo passaggio, ma specie nella ripresa è un pericolo continuo per i blaugrana. Scatenato.

Barella 8 – Inzaghi lo scuote dalla panchina e lui nella ripresa dà una bella lezione a Gavi, a tutto il Barcellona realizzando un super gol che gela il Camp Nou e riaccende l’Inter. (Dall’85’ Asllani 5 – A tu per tu con ter Stegen, negli istanti finali, si divora il possibile 3-4).

Calhanoglu 7,5 – Sale in cattedra nella ripresa. Il gol di Lautaro parte da un suo prezioso recupero e poi è lui stesso a pescare il ‘Toro’ al limite dell’area. Brozovic può recuperare con calma. (Dal 75′ Gosens 7 – Fa sognare i tifosi con la rete del 2-3, ma non basta. Magari una serata così gli servirà per imporsi in maglia nerazzurra).

Mkhitaryan 6,5 – Dei tre centrocampisti, è quello che dà meno.

Dimarco 5,5 – Troppo leggero su Raphinha, a livello difensivo e a questi livelli serve maggiore cattiveria. (Dal 66′ Darmian 6,5 – Entra in un momento chiave, non delude).

Lautaro Martinez 8 – Nel primo tempo non trova mai la giocata giusta, fa quasi tutto Dzeko. Ma questa era la serata perfetta per interrompere l’astinenza, e lui non manca all’appuntamento. Il gol è una perla, come l’ultimo in Champions al Liverpool. E prima del recupero serve un pallone perfetto per il gol di Gosens. Lotta fino alla fine.

Dzeko 7,5 – Un’altra grande prova dopo Sassuolo. Gioca per la squadra, con uno spirito di sacrificio incredibile. Chi è campione, lo è sempre. Peccato per la traversa. (Dal 75′ Bellanova 6,5 – Impatto positivo sulla gara. E non era semplice)

All. Inzaghi 8 – Si è ripreso l’Inter senza Brozovic e Lukaku. Sfiora la vittoria al Camp Nou con una partita di grandissimo spessore tattico e tecnico. Squadra coraggiosa, mai doma. Il pari è comunque un risultato prezioso, adesso l’Inter ha il destino nelle proprie mani. Si fa espellere nel finale per proteste.

Arbitro Marciniak 5,5 – Gestisce bene il nervosismo iniziale. Ma doveva essere più severo con Dembele, solo ammonito. Il Var non interviene.

TABELLINO
BARCELLONA-INTER 3-3
40′ Sergi Roberto (B), 50′ Barella, 62′ Lautaro (I), 81′ e 91′ Lewandowski (B), 88′ Gosens (I)

BARCELLONA (4-3-3): Ter Stegen; Sergi Roberto (71′ Kessie), Piqué, Eric Garcia, Marcos Alonso (71′ Balde); Pedri, Busquets (63′ de Jong), Gavi (81′ Ferran Torres); Dembelé, Lewandowski, Raphinha (63′ Ansu Fati). All.: Xavi.

INTER (3-5-2): Onana; Skriniar, De Vrij, Bastoni (85′ Acerbi); Dumfries, Barella (85′ Asllani), Calhanoglu (75′ Gosens), Mkhitaryan, Dimarco (66′ Darmian); Dzeko (75′ Bellanova), Lautaro. All.: Inzaghi.

Arbitro: Marciniak (POL)
Ammoniti: Lautaro, de Vrij, Dembele, Mkhitaryan
Espulsi: Inzaghi