De Ketelaere bocciato, Pioli è certo: “Tutti a criticare, ricordo Leao e Tonali”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:00

Le dichiarazioni del tecnico rossonero alla vigilia del match di San Siro contro i bianconeri, valevole per la nona giornata di Serie A

E’ subito vigilia di campionato per il Milan di Stefano Pioli. I rossoneri sono chiamati a rialzare la testa. A San Siro arriva la Juventus, reduce da due successi consecutivi.

Milan-Juve: Stefano Pioli in conferenza stampa
Stefano Pioli in conferenza stampa

In via Aldo Rossi prosegue l’emergenza infortuni ma il Diavolo può sorridere per il recupero di Theo Hernandez. Il mister presenta il match, intervenendo in conferenza stampa.

Le dichiarazioni di Stefano Pioli riprese da Calciomercato.it:

Milan-Juve è una partita che fa crocevia – “All’interno di una stagione ci sono 2-3 partite che pesano di più e quella di domani ha un peso specifico importante per il valore degli avversari”.

Sconfitta contro Chelsea – “Siamo consapevoli di non aver giocato come sappiamo. Siamo tutti responsabili e il primo sono io. Il Milan deve commettere meno ingenuità in fase difensiva”.

De Ketelaere gioca sempre – “Il percorso che sta facendo è quello giusto. Ha talento e ha davanti a se un grande futuro. Sono soddisfatto di quello che sta facendo. Ricordo il Leao di 3 anni fa e il primo Tonali. Tutti a criticare, De Ketelaere deve avere tempo. Non ha lasciato traccia? E’ un problema vostro, non è vero che non ha lasciato traccia”.

Theo Hernandez – “Ieri stava bene e si è allenato in gruppo, se oggi confermerà i suoi miglioramenti sarà a disposizione. Dovrebbe essere così”.

Il Milan che reagisce sempre – “Il Chelsea è stato archiviato subito e ci ripenseremo domenica. I giocatori ieri erano stanchi ma vogliosi, sicuramente. Ciò non significa che baserà per vincere”.

Milan più offensivo – “E’ vero che siamo più offensivi rispetto all’anno scorso, giochiamo sempre con un trequarti e non con un centrocampista in quel ruolo. I gol subiti non penso dipendano da quello”.

Problema infortuni – “Un calendario così fitto non c’è mai stato. Gli infortuni muscolari sono cresciuti ovunque. Anche il campo di Empoli mi è stato detto”.

Fascia destra – “Krunic ha fatto la mezzala destra, di soluzioni ce ne sono e vedremo cosa faremo domani. Il bosniaco ha giocato nello stesso ruolo di McKennie”.

Juve chiusa? “Di solito i bianconeri approciano bene le gara, poi si abbassano di più. Allegri è molto furbo e capace. Per noi dipenderà non sbagliare le cose semplici. In passato abbiamo assistito a partite bloccate”.

Giroud e scelte – “La formazione la sceglierò domani mattina. Oggi a Milanello metterò tutti i doppi ruoli in campo e poi sceglierò. Giroud sta bene, la prossima partita è quella più importante ma non posso dimenticarmi delle prossime”.

Serve un livello alto – “Non penso che il Napoli sia così tanto inferiore del Chelsea. Io credo di no. Contro gli inglesi abbiamo giocato sotto il nostro livello e se lo fai perdi. Se giochi al tuo livello in Italia puoi vincere, se lo fai in Europa hai più possibilità di non perdere. Il Liverpool ci aveva messo sotto, contro il Chelsea sono state più le nostre mancanze”.

Crescita di Rafael Leao – “Non è ancora finita. Lui non si deve accontentare ed io devo pretendere ancora tanto”.