Allegri e la Juventus con Vlahovic, Milik e Di Maria: “Ecco quando potremo”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:12

Allegri ha parlato in conferenza stampa dopo la vittoria della Juventus contro il Maccabi Haifa: “Bisogna gigioneggiare di meno”

È un Massimiliano Allegri determinato e serioso quello che si è presentato in conferenza stampa dopo la partita tra Juventus Maccabi Haifa, nessuno spazio per le battute o per sfarfallamenti vari. I bianconeri non possono più sbagliare se vogliono ancora ambire alla qualificazione agli ottavi di finale Champions League.

Allegri e la Juventus con Vlahovic, Milik e Di Maria: "Ecco quando potremo"
Massimiliano Allegri©LaPresse

Il tecnico livornese ha subito messo in chiaro i sentimenti della squadra dopo la partita: “Nell’ultimo quarto d’ora i ragazzi si sono accorti che non si poteva giocare in quel modo lì. Le partite vanno chiuse prime, gigioneggiare di meno ed essere più concreti. Bisogna migliorare perché quando le cose sembrano facili commettiamo degli errori e questo non deve accadere”. Riguardo alle qualità degli avversari, poi, Max ha ammesso: Che il Maccabi Haifa fosse una buona squadra lo sapevamo, col PSG fino al 70′ erano rimasti dentro alla partita. Martedì sappiamo che sarà tutta un’altra partita”. La vera chicca, però, è stata sulla possibilità di schierare VlahovicDi Maria Milik insieme.

Allegri sull’attacco con Milik, Vlahovic e Di Maria: “Quando staremo bene”

PAGELLE E TABELLINO JUVE-MACCABI 3-1: Rabiot onnipotente, Di Maria regala futbol
Adrien Rabiot e Dusan Vlahovic©LaPresse

Il tecnico della Juventus in futuro non esclude di giocare con tutti i talenti offensivi contemporaneamente in campo, ma servirà ancora del tempo. “Di Maria insieme a Vlahovic e Milik in campo? Quando staremo bene probabilmente potremo giocare tutti insieme, Di Maria è un giocatore che capisce dove va la palla”. Un’eventualità che non ha voluto escludere Massimiliano Allegri, ma che per riuscire a reggerla ci sarà bisogno della squadra migliore.

Dove migliorare, poi, lo sa altrettanto bene: “La fase difensiva dipende solamente da una questione mentale. Oggi bisognava fare più gol perché conta anche la differenza reti. Andare a vincere col Maccabi Haifa non sarà facile, iniziamo a vincere là e poi vedremo”. Infine, Allegri ha parlato del centrocampo della Juventus e in particolare di due elementi che stanno ricoprendo un ruolo fondamentale: Rabiot Paredes. “Adrien non è assolutamente una sorpresa, è cresciuto, ha dimostrato di essere un ottimo giocatore e ha grandi margini di miglioramento. Oggi Paredes è stato molto ordinato davanti alla difesa, di solito va un po’ troppo in giro per il campo, oggi invece bene”.