UFFICIALE| Ranocchia dice basta e annuncia il ritiro

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:27

Andrea Ranocchia ha annunciato il ritiro dal calcio giocato dopo la risoluzione con il Monza: le parole dell’ex difensore

Andrea Ranocchia dice basta: dopo la risoluzione consensuale con il Monza, l’ormai ex difensore dice addio al calcio giocato. Lo fa con un video pubblicato su Instagram in cui spiega come è maturata questa decisione.

Ranocchia annuncia il ritiro
Ranocchia © LaPresse

L’ex Inter parla del suo ultimo anno e mezzo: “Non è stato facilissimo. Piano piano anche la passione che ho provato per questo gioco è venuta meno”. A maggio, racconta Ranocchia, “quando ero ancora all’Inter, sentivo che qualcosa non mi tornava ma non capivo cosa. Con il club abbiamo deciso di separarci perché volevo trovare nuovi stimoli e nuove emozioni e ho avuto la fortuna di trovare il Monza”. Le cose però non sono cambiate: “Le sensazioni non erano migliorate e andando avanti è come se mi si fosse spento un interruttore, non c’era più passione”.

Ranocchia si ritira: il ringraziamento a Conte

Ranocchia si ritira
Conte e Ranocchia © LaPresse

L’infortunio ha ulteriormente complicato le cose: “Senza la passione e la determinazione necessarie per tornare ho ritenuto giusto non prendere in giro nessuno, a partire da me stesso. Ho sentito Galliani e gli ho espresso il mio malessere e la mia decisione, lui ha capito e ci siamo lasciati da amici e con grande rispetto. Non ho più niente da dare in questo momento”.

Ed allora l’ex difensore spiega che si prenderà tempo per mettere in ordine emozioni e pensieri ma “non credo proprio che tornerò a giocare a calcio, non è quello che voglio”. Nei suoi due video, Ranocchia passa poi ai ringraziamenti. Ricorda il tecnico Pietro Montanelli che a Perugia lo trasforma in difensore e “Antonio Conte che mi ha letteralmente trasformato, in un vincente, perché lui cambia il tuo modo di pensare e di crescere”. Dopo aver ringraziato anche compagni e avversari, l’inevitabile conclusione dedica alla famiglia: “Ringrazio la mia famiglia, mia moglie Giulia e i miei figli, mi hanno dato gioia e supporto. Sono fortunato perché dietro di me ho una squadra veramente bella”.