Acerbi vuota il sacco sul trasferimento all’Inter: “È stato difficile”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:40

Francesco Acerbi è tornato a parlare del suo passaggio all’Inter e ha svelato le difficoltà prima del suo trasferimento in nerazzurro l’ultimo giorno di calciomercato

L’inizio di stagione dell’Inter ha tanto di inespresso. Sicuramente per il ritmo battuto da agosto ad oggi in campionato e per i problemi difensivi e di gioco palesati dalla squadra di Simone Inzaghi.

Acerbi vuota il sacco sul trasferimento all'Inter: "È stato difficile"
Acerbi ©LaPresse

Il gruppo sembra involuto coralmente e in molti dei suoi singoli che non riescono proprio a esprimersi al massimo delle loro possibilità e neanche al livello di pochi mesi fa. Simone Inzaghi ha la totale fiducia della società, ma allo stesso tempo Giuseppe Marotta e la dirigenza aspettano risposte chiare e precise, in termini di manovra, retroguardia e punti in classifica subito dopo la sosta. Intanto, in molti hanno puntato il dito anche verso il calciomercato portato a termine dai nerazzurri e che non ha soddisfatto le attese del campo. Nelle ultime ore, si è espresso sul suo trasferimento a Milano anche Francesco Acerbi e non sono parole banali.

Acerbi dalla Nazionale al passaggio all’Inter: “I problemi si sono risolti”

Acerbi vuota il sacco sul trasferimento all'Inter: "È stato difficile"
Inzaghi ©LaPresse

Se il settembre dell’Inter è stato difficile, lo è stata ancora di più l’estate di Acerbi. Il difensore della Nazionale ha vissuto da separato in casa alla Lazio, dopo gli screzi con i tifosi e non solo. Alla fine, dopo tanti rumors di calciomercato, per lui si sono aperte le porte dell’Inter, ma solo all’ultimo giorno di trattative. Ecco le sue parole ai microfoni di ‘Rai Sport’: “Il trasferimento all’Inter è stato abbastanza difficile e con grandi problemi che alla fine sono stati risolti. Adesso sono molto felice di essere all’Inter. In nerazzurro ho trovato un gruppo fantastico, anche se sul campo adesso ci sono delle difficoltà. Però, viste le persone, i giocatori, lo staff e i dirigenti che ci sono, si risolverà tutto. Speriamo di rimetterci in moto subito dopo la sosta”.

Acerbi poi commenta anche l’importanza di Simone Inzaghi, che lo conosceva già bene, per il suo arrivo a Milano: “Anche per Inzaghi, questo trasferimento è stato un salto di qualità. Lui ha già fatto molto bene l’anno scorso, questo forse è il momento di difficoltà più grande da quando è arrivato. Adesso è normale che sia sotto pressione, ma io l’ho trovato come prima. È bravissimo come allenatore e come uomo”.