Multa ad Allegri per l’intervista: la posizione della Juventus

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:10

Massimiliano Allegri è sulla graticola dopo gli ultimi risultati negativi della Juventus. Ecco la verità su una multa dalla società al tecnico, di cui si sta parlando molto nelle ultime ore

La Juventus sembra caduta in un profondo rosso da cui non riesce a rialzarsi. E non è un colore scelto a caso per descrivere il momento della Vecchia Signora.

Allegri multato dalla società: ecco come stanno davvero le cose
Allegri ©LaPresse

I problemi c’erano già, evidenti nelle prestazioni dei singoli e soprattutto nel gioco corale della squadra, ma le sconfitte contro il Benfica e il Monza, due club dalla maglietta rossa appunto, hanno fatto scivolare i torinesi due volte nel giro di pochi giorni. Due ko pesanti e aggravati da un altro rosso, quello sventolato in testa ieri ad Angel Di Maria dopo un fallo di reazione. Non solo un’espulsione, ma lo specchio di una squadra che ha poche idee, pochissima spinta e tanta confusione in testa e nelle gambe, in cui anche i migliori interpreti sembrano la controfigura di loro stessi. E tra il ko per 1-2 contro il Benfica e quello per 1-0 contro il Monza, qualcosa comunque è successo e ci riferiamo all’intervista, o forse meglio chiacchierata, di Massimiliano Allegri con Mario Sconcerti per il ‘Corriere della Sera’.

Le parole di Allegri non sono piaciute alla Juventus: la verità sulla multa

Allegri multato dalla società: ecco come stanno davvero le cose
Dirigenza Juventus ©LaPresse

L’articolo uscito sabato ha ritratto parole pesanti del tecnico livornese, che come vi abbiamo riportato per il momento è destinato a restare sulla panchina bianconera. Dichiarazioni indirizzate ai calciatori e alla sua società. Ha parlato di “Juventus virtuale”, a causa degli infortuni patiti, dopo un progetto sul calciomercato che comunque gli è piaciuto. Tuonando, ha detto: “I giocatori in campo non ci sono”. Per raffigurare la situazione, di cui i tifosi lo indicano come primo colpevole, ha detto: “Gli errori sono in tante parti del campo. La Juve era stata pensata in altro modo”. Insomma, frecciate da tutti i lati e in un momento in cui il motto univoco dalla Vecchia Signora era ‘testa bassa e pedalare’.

Sicuramente l’intervista non è piaciuta alla Juventus per tempistiche e contenuti e nelle ultime ore si è parlato di una possibile multa da parte della società al tecnico. In realtà, ci arrivano solo smentite secche su questa eventualità. Il fastidio resterà tale e senza che ci siano ‘punizioni’ ufficiali all’allenatore.