Juve-Salernitana ‘sfuggita’ di mano: “È qualcosa di surreale”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:20

Juve-Salernitana ha lasciato dopo di sé una scia molto lunga di polemiche. Nelle ultime ore, è arrivato un nuovo annuncio su quanto accaduto

Juve-Salernitana si è già conclusa da diversi giorni, eppure non si fermano le polemiche per quanto successo nel recupero della partita tra i torinesi e i campani.

Juve-Salernitana 'sfuggita' di mano: "È qualcosa di surreale"
Dirigenza Juventus © LaPresse

Il gol di Arkadiusz Milik, annullato dopo la revisione del VAR, sembra regolare, ma ormai il danno è fatto per Matteo Marcenaro e la Vecchia Signora non è riuscita a concludere la rimonta ai danni del club di Iervolino. Ne ha parlato anche Gianluca Paparesta, ex arbitro italiano, anche internazionale. Nella sua intervista a ‘Radio Punto Nuovo’, ha subito difeso l’importanza della tecnologia video: “L’errore di Juventus-Salernitana non mette in dubbi la credibilità del VAR. L’errore umano fa parte del gioco, anche quando succedono queste cose. La situazione è sfuggita di mano per mille motivazioni, che poi andranno approfondite e discusse nelle sedi opportuni”.

Paparesta commenta l’errore VAR in Juve-Salernitana

Juve-Salernitana 'sfuggita' di mano: "È qualcosa di surreale"
Milik © LaPresse

Paparesta pone l’accento anche su una questione parecchio importante, quella relativa la chiarezza che dovrebbe avere la classe arbitrale: “Poca trasparenza da parte dell’AIA? Io sono fautore di un’apertura totale. Nel 2022 le immagini sono disponibili su qualsiasi mezzo. La comunicazione che mi aspettavo è arrivata solo nel pomeriggio successivo e hanno anche scaricato le responsabilità su chi doveva fornire le immagini”. E poi dice chiaramente: “Bisogna aprire e comunicare, non fare un qualcosa di scarno. Ha fatto bene o fatto male? E’ qualcosa di surreale. Dopo giorni siamo ancora a un’incertezza totale”.

Paparesta, nel corso dell’intervista, sottolinea anche la necessità per gli arbitri di esprimersi maggiormente, sia attraverso le dichiarazioni dopo la partita, sia con dei report da parte dell’AIA il giorno dopo la partita. Poi l’ex arbitro conclude il discorso: “Gli errori ci sono, fanno parte del gioco, anche io ne ho commessi tanti durante la mia carriera. Però, bisogna almeno dare coerenza e trasparenza ai tifosi”. Quanto successo in Juve-Salernitana, quindi, potrebbe essere importante per migliorare come intero movimento, perché non accada più e soprattutto perché tutte le parti in causa gestiscano meglio anche gli errori.