Bocciato dal Crotone e decisivo in Champions: 50 milioni di rimpianti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:49

Autore del secondo gol contro l’Atletico Madrid, Diaby si è trasformato negli anni in uno dei tanti rimpianti del calcio italiano

Il colpo di grazia al Cholo Simeone glielo ha dato lui, Moussa Diaby. Lo ricordate a Crotone? Non facile, troppo pochi 69 minuti diluiti in due presenze in Serie A, l’esordio contro il Genoa per 6 minuti il 14 aprile 2018 e l’ora in campo contro la Juve quattro giorni dopo allo Scida. Di quella partita, agli annali, è rimasto il gol di Simy in rovesciata per pareggiare i conti con la squadra di Allegri di lì a poco campione d’Italia, mentre i calabresi sarebbero retrocessi. Ieri l’attaccante francese di origini maliane ha segnato la sua prima rete stagionale, dopo le 17 (con 14 assist) dell’annata passata, sicuramente importante per lui con la maglia del Bayer Leverkusen.

Diaby splende: dalla bocciatura del Crotone al sogno Premier
Moussa Diaby ©LaPresse

Punto di forza della squadra tedesca per la quarta stagione consecutiva, Diaby dopo quell’esperienza fallimentare in Italia è ripassato per il Paris Saint Germain e ha vissuto la stagione che gli ha dato la giusta visibilità per potersi rilanciare ripartendo dalla massima serie tedesca. Ieri ha piazzato il suo sinistro chirurgico alle spalle di Grbic in contropiede regalando il definitivo 2-0 alla squadra dello svizzero Gerardo Seoane alla “Bay Arena”. Curioso che questo ragazzo abbia acceso Leverkusen ed abbia invece bucato in Italia: all’epoca il tecnico del Crotone era Zenga, che lo fece esordire ma non riuscì a dargli spazio, facendo riferimento anche alle difficoltà di parlare con lui in francese.

Calciomercato, Diaby è un rimpianto da 50 milioni

Diaby vola: rimpianto da 50 milioni per l'Italia
Diaby e Alex Sandro ©LaPresse

Sicuramente Diaby era appena uscito dal guscio del Psg dove era arrivato a 14 anni firmando il suo primo contratto da professionista nel 2017. In Germania invece i tifosi sono impazziti per l’attaccante esterno francese appena è arrivato e l’hashtag #DiabyArmy ha impazzato sul web e ad un certo punto la sua immagine era diventata il manifesto del profilo twitter inglese del club. In Italia ha trovato poco spazio anche nel campionato Primavera, dove sempre con la maglia del Crotone ha giocato due partite segnando un gol e facendo un assist. A distanza di quattro anni possiamo serenamente dire di aver perso l’opportunità di trattenere e veder crescere un giocatore molto interessante.

Oggi Diaby ha un contratto fino al 2025 e una quotazione che si aggira intorno ai 50 milioni di euro. Per l’Italia fuori portata se non sia una big a trattarlo. Ma attenzione alla Premier e all’Arsenal in particolare che lo sta seguendo con grande attenzione. Ma non ci sono solo i Gunners…