Gravina contrattacca su Juve-Salernitana: “Var e arbitri non hanno sbagliato”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:07

Il presidente della Figc Gravina interviene sull’errore commesso dal Var durante la partita tra Juve-Salernitana: “Non hanno sbagliato, diamoci una calmata”

Errare humanum est. Oppure no. Specie se a commettere gli errori non è tanto l’uomo, quanto la tecnologia.

Gravina contrattacca su Juve-Salernitana: "Var e arbitri non hanno sbagliato"
Gravina ©LaPresse

Questo potrebbe essere il sunto della posizione del presidente della Federcalcio, Gabriele Gravina, in merito a quanto successo nel finale della partita tra Juve e Salernitana con Luca Banti, al Var, che ha richiamato Matteo Marcenaro, arbitro dell’incontro, per un presunto fuorigioco attivo di Leonardo Bonucci nel gol di Arkadiusz Milik, che non ha consentito alla squadra di Massimiliano Allegri di completare la rimonta e guadagnare tre punti fondamentali nella lotta per i primi posti.

Come chiarito ieri, infatti, dall’Aia, dalle inquadrature della tecnologia non si vedeva che Antonio Candreva teneva in gioco il capitano bianconero, per cui l’errore commesso è stato fatta in buona fede. Certo, non sono dello stesso avviso i tantissimi tifosi della Juve che si sono sentiti defraudati di due punti importanti in ottica scudetto – e che dovranno anche rinunciare allo stesso polacco e a Juan Cuadrado nella prossima partita perché sono stati espulsi -, ma soprattutto hanno creato un precedente non da poco.

Gravina su Juve-Salernitana: “Diamoci una calmata”

Gravina contrattacca su Juve-Salernitana: "Var e arbitri non hanno sbagliato"
Milik e Allegri ©LaPresse

A margine di un evento a Bari, il numero uno della Figc ha spiegato come “l’immagine che è stata fatta vedere dopo non era stata messa a disposizione” perché c’è una produzione di video che non è in possesso né dell’Associazione italiana arbitri, né degli arbitri stessi, né del Var. Quelle a loro disposizione, piuttosto, “hanno visto quello che poi si è rivelato un errore”, ha detto Gravina che poi ha chiarito come, per lui, non abbiano sbagliato “né gli arbitri, né il Var”.

“Se un episodio così, dopo sei giornate di campionato, deve far urlare allo scandalo… Diamoci tutti una calmata e torniamo nei nostri ranghi”, ha dichiarato ancora. Per Gravina, infatti, l’utilizzo della Video Analyst Request non rende “infallibile” l’operato dei direttori di gara, ma “serve a ridurre al minimo il margine d’errore. Se ci sono degli errori cominciamo a riconoscere prima i nostri, poi pensiamo a quelli in capo agli arbitri”, ha concluso sull’argomento.