Dall’esclusione di Lautaro all’alternanza in porta: Marotta dice tutto

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:37

L’amministratore delegato Beppe Marotta ha commentato le scelte di Simone Inzaghi nel pre-partita di Vicktoria Plzen-Inter

Ancora pochi istanti al fischio d’inizio della seconda giornata di Champions League. Un turno che vede l’Inter protagonista in trasferta contro il Viktoria Plzen, formazione sulla carta alla portata dei nerazzurri contro cui per gli uomini di Simone Inzaghi sarà determinante ottenere i tre punti.

Dall'esclusione di Lautaro all'alternanza in porta: Marotta dice tutto
Marotta su Sky Sport

Nel pre-partita di ‘Sky Sport’, Beppe Marotta ha parlato delle sorprese di formazione riservate dal tecnico nerazzurro questo pomeriggio in Repubblica Ceca: “Sono delle decisioni razionali alla luce degli impegni ravvicinati e in base alla rosa che ha a disposizione, credo sia giusta l’alternanza”.

Una partita molto importante quella di questo pomeriggio, per la quale l’ad nerazzurro ha chiesto massima concentrazione ai suoi: “Match importante perché gli obiettivi sono due: ottenere il massimo come risultato e anche una prestazione positiva, per avere più convinzione dei nostri mezzi”.

Tornando alle scelte di Inzaghi, Marotta ha commentato l’esclusione di Lautaro Martinez dal primo minuto: “In panchina? Non dobbiamo dimenticare che quello di Udine è un impegno importante, come stasera. I giocatori che vanno oggi in campo danno garanzie per il tipo di match, di squadra da affrontare”.

Inter, Onana ancora titolare: le parole di Marotta

Inter, Onana ancora titolare: le parole di Marotta
André Onana ©LaPresse

Nonostante la grande prestazione di Samir Handanovic nell’ultimo match di campionato contro il Torino, Inzaghi in Champions League ha rinnovato la fiducia nei confronti di Onana. Un’alternanza che Marotta, prima del fischio d’inizio, ha definito positiva: “Onana si sentirà più importante di Handanovic? Vale lo stesso discorso degli altri reparti. Abbiamo due ottimi portieri e l’alternanza è qualcosa di positivo. E’ giusto che entrambi trovino spazio, non mi preoccupo da questo punto di vista”.

Infine, l’ad interista è tornato sul confronto di settimana scorsa avuto con la squadra ad Appiano Gentile, da cui è nata poi la reazione emotiva della squadra vista in campionato contro il Torino: “Sono quelle dinamiche che capitano in tutti i club in una stagione. Abbiamo voluto dimostrare la nostra vicinanza a Inzaghi e la squadra. Tutti i meriti, però, vanno all’allenatore e ai calciatori, noi siamo comprimari”.