Allegri bocciato di nuovo: “Non raggiunge la sufficienza”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:30

Analisi del giorno dopo Psg-Juventus, Allegri porta a casa una prestazione onorevole ma con alcune criticità: bianconeri fuori fase

Il giorno dopo Psg-Juventus, i bianconeri si trovano addirittura alle prese con qualche rimpianto. Dopo un primo tempo in grandissima sofferenza, la squadra piemontese ha provato a risalire la corrente e col gol di McKennie ha messo paura alla corazzata parigina.

Juventus, Allegri avvisato: "Se stanno così, non possono giocare"
Massimiliano Allegri © LaPresse

Pareri contrastanti sulla prestazione della formazione di Allegri. Quasi alla deriva nel primo tempo, con il Psg che soprattutto con Neymar e Mbappé ha messo a ferro e fuoco la difesa, meglio nel secondo tempo dove si è visto un po’ più di coraggio. La sconfitta, chiaramente, non può far sorridere l’ambiente, ma può fornire qualche spunto da cui ripartire per il prossimo futuro. Nel bene come nel male. Se la prova d’insieme è stata dignitosa, alcuni singoli sembrano arrivati decisamente al tramonto e con un apporto ormai limitato alla causa.

Juventus, doppia bocciatura netta per Bonucci e Cuadrado: “Non ne hanno più”

Juventus, Allegri avvisato: "Se stanno così, non possono giocare"
Leonardo Bonucci contro Kylian Mbappé © LaPresse

Ne parla, ai microfoni di ‘Radio Radio’, l’ex attaccante Roberto Pruzzo, che commenta la gara di Parigi avvertendo Allegri sullo stato di forma di due dei suoi fedelissimi, ormai piuttosto critico: “Ieri Allegri ha provato a trovare una quadra con una formazione diversa – ha spiegato – Si è visto qualcosa di meglio rispetto alla gara con la Fiorentina, ma i risultati non sono stati ottimali. Cuadrado non ne ha più per fare tutta la fascia, può dare qualcosa in avanti e magari arrivare al tiro, ma a rinculare fa fatica. E se Bonucci sta così, io non so se sia il caso di farlo giocare o passare alla difesa a quattro, riproporlo mi sembra piuttosto difficile. Il voto ad Allegri per me è una media tra il 5 del primo tempo e il 6 del secondo. I cambi e le modifiche alla formazione iniziale sono stati complessivamente positivi, anche se non ho capito la sostituzione Milik-Locatelli. Una squadra sicuramente più presentabile rispetto alla partita precedente, ma non raggiunge la sufficienza. Un’indicazione positiva per il futuro può essere Milik utilizzato alla Mandzukic, viste le sue caratteristiche fisiche”.