Inter, allarme rosso: “Inzaghi subito in discussione”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:48

Situazione delicata in casa Inter dopo la sconfitta nel derby con il Milan, proseguono le critiche al tecnico Simone Inzaghi

Si apre la settimana del debutto nelle coppe europee. Per le italiane in Champions League, subito match molto impegnativi, tra cui quello dell’Inter a San Siro contro il Bayern Monaco.

Inter, allarme rosso: "Inzaghi subito in discussione"
Simone Inzaghi © LaPresse 

I nerazzurri non arrivano a questo match nel migliore dei modi, dovendo fare i conti con le scorie fisiche ed emotive del derby perso per 3-2 contro il Milan. E’ già la seconda sconfitta in campionato per l’Inter, che in tutta la scorsa annata in Serie A ne aveva perse quattro in totale. Nerazzurri in difficoltà anche difensiva, avendo incassato ben 8 reti in cinque gare, un quarto di quelle subite nello scorso campionato. Il doppio ko nei primi scontri diretti stagionali con la Lazio e con i rossoneri deve far riflettere e non poco la squadra di Simone Inzaghi e il tecnico nerazzurro in primis, che sembra faticare a trovare un punto di equilibrio.

Inter “con le ossa rotte”, Inzaghi deve trovare soluzioni: ‘avviso’ al tecnico nerazzurro

Inter, allarme rosso: "Inzaghi subito in discussione"
Simone Inzaghi © LaPresse

E’ questo il senso del parere del commentatore Nando Orsi, che ai microfoni di ‘Radio Radio’ lancia l’allarme sul rendimento dell’Inter, in vista di una stagione lunga e difficile e che non sembra essere iniziata con i migliori presupposti, confermando delle criticità già emerse in passato. “L’Inter esce da una settimana da tre partite con le ossa rotte – ha spiegato – Due sconfitte e una vittoria facile, ma i due ko sono arrivati in scontri diretti e già l’anno scorso questo si era rivelato un problema. Io credo che il portiere o altri uomini non siano tanto un problema, quanto l’atteggiamento nel complesso e anche Inzaghi deve farsi qualche domanda sul suo operato”. In particolare, sembra esserci un punto debole specifico: “L’Inter ha un piano B? Serve mettere in discussione l’elasticità dell’allenatore. Se ha un solo modo di giocare e hanno capito come fermarlo, è un problema”. All’allenatore, il compito di trovare soluzioni al più presto. Il calendario incombe e le gare a cadenza ravvicinata non aiutano.