ESCLUSIVO | Tanganga-Milan, passo verso il sì: trovata la formula

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:30

Tanganga si avvicina al Milan. Il difensore chiesto da Pioli potrebbe essere il centrale del Tottenham: l’accordo sulle cifre

Le condizioni sono chiare. L’unica soluzione è in prestito con diritto di riscatto. Il Milan lo ha ribadito e specificato. E continua a farlo a chiunque prospetti delle soluzioni per l’arrivo del centrale. Un difensore serve a Stefano Pioli. Anche qui scopriamo l’acqua calda. Con pochi giorni per completare un’operazione che deve allungare la più classica delle coperte corte.

Stefano Pioli
Stefano Pioli ©LaPresse

Di nomi sul tavolo ce ne sono diversi. Uno di quelli da tempo gettonati è Japhet Tanganga. Inglese, classe ’99, centrale del Tottenham, è fuori dai progetti di Antonio Conte. Il tecnico salentino non lo ha mai utilizzato in stagione ed anche il ds Spurs, Fabio Paratici, è consapevole di dovergli trovare soluzione.

Il calciatore ha manifestato, anche attraverso il suo agente, il desiderio di esser centrale in un progetto che possa consentirgli di esprimersi al meglio. L’esempio ed il percorso di Tomori e Kalulu sono importanti. Così come viene ritenuto perfetto il campionato italiano per esaltare le caratteristiche mostrate in questo primo segmento di carriera.

Il Tottenham vorrebbe monetizzare dall’addio ed ha cercato, come vi abbiamo raccontato, per diverse settimane, il prestito ma solo con obbligo di riscatto. Anche la Roma che ha seguito il calciatore non ha accettato questa formula così come non lo hanno fatto i rossoneri.

Tanganga
Tanganga ©LaPresse

La formula del Milan: prestito con diritto per Tanganga

Secondo quanto appreso in esclusiva da Calciomercato.it, il potenziale accordo per portare Tanganga al Milan ha avuto un’importante accelerazione.

Una fonte ha rivelato come si possa parlare di Milan e Tottenham “non lontani” per completare il deal, ovvero il passaggio di Tanganga a San Siro.

Prevedibile che occorra ancora un lavoro di cucitura per completare il passaggio in rossonero. Sempre seguendo le indicazioni arrivate in redazione, la formula è quella del prestito con diritto. Ci potrebbe essere la possibilità che vengano inserite determinate condizioni. Dal raggiungimento di un determinato numero di presenze, di un dato minutaggio, di prefissati obiettivi da raggiungere. Non un obbligo mascherato, ma un sostanziale diritto che diventa obbligo al verificarsi di determinate condizioni. Le stesse che il Milan vorrebbe più complesse da raggiungere ed il Tottenham più semplici.

Trovato, invece, l’accordo economico: 20 milioni di sterline. Con il cambio ad 1.19, significa che il potenziale riscatto di Tanganga è fissato a poco più di 23 milioni per il Milan. Una cifra che asseconda i desiderata del Tottenham ed è in linea con la valutazione fatta del calciatore.