Da Raspadori a Kepa, il messaggio di Spalletti non lascia dubbi

Luciano Spalletti lancia un messaggio molto chiaro alla dirigenza sul fronte mercato: le parole dell’allenatore del Napoli

Si chiude con un pareggio a reti bianche il precampionato del Napoli: contro l’Espanyol gli azzurri non riescono a sbloccare il risultato e il match termina 0-0.

Spalletti
Spalletti © LaPresse

Dopo la partita, Luciano Spalletti ha parlato a ‘Sky’: l’occasione non soltanto per commentare quanto visto in campo ma anche per parlare di mercato con un messaggio inequivocabile alla società. “C’è stato un alto livello di aggressività e molti falli. Ogni volta che riuscivamo a liberarci per l’imbucata e il passaggio di qualità, c’è stato fallo sistematico. Ma questo è il calcio che dobbiamo affrontare quindi il test è stato ottimo. La palla va fatta girare meglio, serve più pulizia”.

DE LAURENTIIS – “Abbiamo bisogno di tutti e il presidente è il primo che prova a trasferire voglia e disponibilità. In quel caso lì, ha ritenuto giusto andare a protestare”.

OSIMHEN – “Il gruppo storico che ha consentito al Napoli di fare campionati ad alti livelli non c’è più, ora bisogna trovare le caratteristiche che avevano loro. Osimhen è uno degli indicati, come Anguissa, Di Lorenzo e Rrahmani. Serve ritrovare una mentalità forte e la personalità che poi sfrutta ogni dettaglio della partita per portare a casa il risultato”.

Calciomercato Napoli, Spalletti invoca rinforzi

Spalletti
Spalletti © LaPresse

KVARATSKHELIA – “Mi aspettavo che avesse questi colpi, ci servono. Saltando l’uomo si libera lo spazio da attaccare e concludere verso la porta. E’ un ragazzo disponibile al sacrificio: stasera aveva un muscolo che gli dava problemi, ma è voluto restare in campo. Questo voler esserci e andare oltre anche ad un dolorino evidenzia un carattere forte.

RASPADORI E PORTIERE – “Me li aspetto? Se li aspettano loro, non io. Se lo aspetta la dirigenza, la squadra è incompleta e lo sanno che va completata: stanno lavorando per questo. Non dipende soltanto da me il progetto di ringiovanimento, ma ci lavoro con grande entusiasmo. Aspetto e resto fiducioso perché sono cose che da dentro lo sappiamo. Ci sono situazioni che vanno messe a posto”.