TV PLAY | L’annuncio scuote il mercato dell’Inter: “Può partire chiunque”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:53

Va ricordato che l’Inter dovrà far registrare un attivo da 60 milioni di euro dal mercato entro il prossimo 30 giugno 2023

Dopo aver radicalmente cambiato posizione su Milan Skriniar, l’Inter non si può dire ancora del tutto sicura sul mercato. Il club nerazzurro vorrebbe trattenere interamente l’attuale rosa in vista della prossima stagione, ma sa bene che a fronte di offerte irrinunciabili potrebbe aprire delle trattative.

TV PLAY | L'annuncio scuote il mercato dell'Inter: "Può partire chiunque"
Fabrizio Biasin in diretta sulla CM.IT

Delle possibili mosse nerazzurre da qui in avanti, soprattutto sul capitolo uscite, si è discusso in diretta su Calciomercato.it in onda su TV Play insieme al famoso giornalista Fabrizio Biasin: “Un’indiscrezione dell’ultima ora del collega Di Marzio quindi molto attendibile è che il Chelsea vuole Casadei. Un incasso con lui lo potresti portare a casa come lo potresti portare a casa con Pinamonti. L’Inter vorrebbe mantenere la ricompra su Casadei, il Chelsea lo vorrebbe senza rischio di perderlo e potrebbe quindi mettere qualche milione in più rispetto alla valutazione fatta con il Torino. La speranza è che queste piccole operazioni messe una sopra l’altra possano portare alla permanenza di Skriniar. Potendo scegliere la ricompra io la metterei su tutti, però è ovvio che chi compra vorrebbe se possibile evitare rischi. Io, per esempio, vedo molto bene Pinamonti, non è il nuovo Van Basten ma penso possa avere un ottimo futuro, quindi mantenere una ricompra sarebbe cosa buona. Così come per Casadei, ma chiaramente il Chelsea se lo compra lo vuole senza il rischio di perderlo”.

Tornando sul nome di Pinamonti, nelle ultime ore effettivamente si sta scaldando la pista che porta a Bergamo: “Se l’Atalanta prende Pinamonti è perché sceglie di vendere Muriel. C’è la linea di Gasperini, che è questa. Poi c’è una parte della dirigenza che vorrebbe insistere su Muriel, dovrebbe alla fine prevalere la linea di Gasperini che vorrebbe allenare Pinamonti“.

TV PLAY | L'annuncio scuote il mercato dell'Inter: "Può partire chiunque"
Andrea Pinamonti ©LaPresse

Pochi dubbi da parte di Biasin su Lautaro Martinez, tra i migliori interisti del precampionato sino a questo momento: “Lautaro è concentrato sull’Inter e sulla sua crescita personale, fino alla sessione scorsa c’erano addetti ai lavori che lo consideravano sacrificabile, poi penso abbia dimostrato la sua importanza. Può addirittura fare ancora meglio e quest’anno può fare forse meglio di Lukaku, penso che i due ragioneranno su quanti gol potrebbero fare insieme, senza entrare in una competizione dannosa”.

Se è vero che in difesa l‘Inter dovrà completare il reparto, è a centrocampo che difficilmente vi saranno altri movimenti: “I primi acquisti dell’Inter sono stati Asllani e Mkhitaryan, aveva bisogno di rinforzare il centrocampo, Mkhitaryan è 100 volte più forte di Vidal secondo me e Asllani va a coprire uno slot che era vuoto ovvero quello di vice Brozovic. Secondo me entrambi possono avere molto spazio perché si giocherà ogni tre giorni. L’unico che non toglierei mai è Brozovic, che però ogni tanto per non arrivare con il fiato corto dovrà ogni tanto riposare. All’Inter mi hanno detto che l’idea è di fare accoppiate di giocatori di livello il più possibile simile per mantenere alto il livello”.

Calciomercato Inter, avviso sulle cessioni: “Qualunque profilo può partire”

TV PLAY | L'annuncio scuote il mercato dell'Inter: "Può partire chiunque"
Simone Inzaghi ©LaPresse

Sempre sul tema cessioni, Biasin ha spiegato chiaramente quella che è l’attuale situazione dell’Inter: “Non è in condizioni di trattenere a forza nessuno, se arriva l’offerta giusta qualunque profilo può partire”.

SKRINIAR E CASADEI – “Il fastidio che può avere Skriniar è il non avere certezze per questa stagione, in caso andrà avanti volentierissimo anche con l’Inter. In questo momento nessuno ha sicurezze, se il PSG alzerà l’offerta a malincuore Skriniar partirà, ma non credo arriveranno ai 70 milioni richiesti. Poi ci sarà da discutere il rinnovo. Casadei ha dimostrato di avere potenziale e le squadre estere vanno su questi profili per evitare di dover spendere molto di più una volta esplosi, anche l’Inter vede il potenziale del ragazzo, infatti vorrebbe tenere la ricompra”.

GOSENS – “Arriva da due infortuni pesanti e che sulla prestanza fisica lui ci basa tanto, i dubbi su Gosens sono legittimi, non bisogna però sforare nel tafazzismo. Penso che la società in questi giorni la società stia valutando serenamente cosa fare e attualmente l’Inter non ha intenzione di agire. Io sono convinto che farà bene”.

TV PLAY | L'annuncio scuote il mercato dell'Inter: "Può partire chiunque"
Robin Gosens ©LaPresse

DIGITALBITS – “La questione è semplice, è uno sponsor legate alle cryptovalute ed è una cosa molto volatile, sono cose che possono andare molto bene o anche molto male in un attimo. Ci sono dei contratti firmati, quindi l’Inter è sicura, che non siano arrivati dei pagamenti è un dato di fatto e vedranno di risolvere. Intanto l’Inter ha sistemato altre cose legate al fattore marketing”.

INNESTO IN DIFESA – “Se non partirà Skriniar cercheranno un profilo low cost che non sarà Milenkovic a 15 milioni, se invece partirà Skriniar bisognerà farne due e servirà un piccolo miracolo per non risentire della sua partenza”.