TV PLAY | “Devastante”: l’ex presidente condanna il Torino

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:20

Acque agitate in casa Torino: ne ha parlato, ai microfoni di Calciomercato.it in onda su TvPlay, l’avvocato Pierluigi Marengo, ex presidente dei granata

Nervi tesi in casa Torino con la accesa discussione tra Vagnati e Juric. Tutto ricomposto come spiegato dal direttore sportivo granata e dal presidente granata Urbano Cairo.

Marengo
Marengo

Situazione sulla quale, intervenuto ai microfoni di Calciomercato.it su TvPlay, si sofferma l’avvocato Pierluigi Marengo, ex presidente della società piemontese.

JURIC-VAGNATI – “Quello che si è visto ieri è devastante per l’immagine del club, per la nostra storia, per tutto. Non sono due calciatori che si azzuffano, non sono calciatore e allenatore, qui sono i due massimi dirigenti: Vagnati, che è qualcosa in più del direttore sportivo, e l’allenatore. Abbiamo le due figure apicali che si azzuffano e l’altra cosa gravissima è che si sono azzuffati sulla politica societaria, è questo il dramma di questa vicenda. Una politica societaria tendente al nulla o al niente”.

JURIC – “A me piace molto, io sono convinto che non andrà via perché comunque tiene famiglia e panchine libere non ce ne sono. Tutte le squadre sono già occupate. Vorrei capire chi è disposto a rinunciare a due milioni all’anno per stare a casa? Lui è uno un po’ fumantino, pronto allo scontro, è chiaro che probabilmente si è sentito preso in giro, ha accettato la logica del discorso Bremer. Poi viene venduto Bremer e scopriamo che i soldi non vengono reinvestiti, questo probabilmente l’ha fatto esplodere. Vagnati d’altra parte ha un certo pedigree, ci fosse stato Marotta non sarebbe successo questo. La cosa più grave esce però dalla bocca del direttore sportivo”.

Torino, Marengo a TV PLAY: “Salvezza sarà un gran risultato”

Cairo
Cairo © LaPresse

AL POSTO DI CAIRO – “Ho letto le dichiarazioni scarne di Cairo. Trovo questo anche più grave di quello che è avvenuto che è stato un momento di rabbia. Che una società, di fronte a quanto accaduto, non prende un minimo provvedimento è gravissimo perché va a creare un precedente. Ha legittimato l’insulto nei suoi confronti”.

OBIETTIVI – “La salvezza sarà un gran bel risultato, con questa società qui, credo che arrivarci sarebbe veramente tanta roba”.