TV PLAY | Scamacca al West Ham, annuncio in diretta: “Buon affare”

Gianluca Scamacca è vicinissimo a lasciare il Sassuolo sul mercato per intraprendere una nuova esperienza in Premier League

Dopo essere stato accostato alle big del calcio italiano ed aver dialogato per diverse settimane con il Paris Saint Germain, Gianluca Scamacca sta per lasciare a titolo definitivo la Serie A. Per il centravanti del Sassuolo si avvicina sempre più la Premier League, dopo l’ultimo decisivo blitz del West Ham.

Calciomercato Sassuolo, l'annuncio su Scamacca al West Ham
Gianluca Nani su TV Play – Calciomercato.it

Dell’addio di Scamacca al calcio italiano e non solo, abbiamo parlato con il direttore Gianluca Nani durante la diretta di questo pomeriggio su tvplay_calciomercatoit, a partire dai movimenti andati in porto in Serie A sino a questo momento: “Sto vedendo un buon mercato con ottimi colpi, ma ancora c’è tempo prima della chiusura. Poi i grandi colpi si fanno sempre alla fine, ma il mercato si sta muovendo in maniera piuttosto veloce. Milan? Sta facendo bene e con attenzione i suoi interventi”.

Calciomercato Sassuolo, l’annuncio su Scamacca al West Ham

Calciomercato Sassuolo, l'annuncio su Scamacca al West Ham
Gianluca Scamacca ©LaPresse

Tornando all’affare del momento che riguarda Scamacca al West Ham, Nani ha prospettato grandi cose per il centravanti classe 1999: “Al West Ham tanti italiani non hanno reso come voluto, penso a Zaza, Borriello… ma questo non vuol dire nulla. Vero che è difficile per un italiano adattarsi alla Premier League, ma Scamacca ha tutte le caratteristiche per fare bene nel calcio di Moyes. Io lo vedo come un buon affare, sia per il West Ham che prende un grande calciatore sia per Scamacca che va in un grande campionato”.

Infine, una battuta del direttore sulla suggestione Marcelo alla Lazio: “E’ un calciatore che non ha bisogno di presentazioni, se sta bene e se ha voglia è perché pensa di poter dare ancora qualcosa. Non credo che se decidesse di accettare va alla Lazio per fare brutta figura. A me è capitato con Baggio e Guardiola e c’era un grandissimo allenatore come Mazzone”.