Dybala ancora svincolato: “Non lo vuole nessuno, agli allenatori non piace”

Dybala resta ancora svincolato, parole di fuoco legate all’argentino: “Non lo vuole nessuno, non piace agli allenatori”

La nuova stagione 2022/2023 ha ormai preso il via con ritiri e prime amichevoli, ma tra i nomi ancora svincolati c’è quello di Paulo Dybala. L’argentino, rimasto appiedato dopo il mancato rinnovo con la Juventus, non ha ancora trovato una nuova squadra. L’Inter sembra essere la favorita, ma ancora non è stato fatto il passo decisivo.

Sabatini su Dybala
Dybala ©️ LaPresse

A proposito del futuro di Dybala, si è espresso così il giornalista Sandro Sabatini, intervenuto a ‘Radio Radio’: “Dybala secondo me non ha ancora una squadra: chi si muove per primo con un’offerta concreta lo prende. Lui aspetta l’Inter, con due cessioni che però non possono verificarsi. Quella di Sanchez magari si, quella di Correa o Dzeko no. Le preferenze di Inzaghi sono chiare: tra Dybala e uno tra Dzeko e Correa Inzaghi preferisce Dzeko o Correa. Marotta si era mosso comunque, poi l’operazione Dybala è stata cancellata dall’arrivo Lukaku“.

Sabatini: “Dybala titolare solo alla Roma, non piace ai tecnici”

Sabatini ha sottolineato come tanti giocatori a costo zero o tante trattative si siano già chiuse e nel giro di poco tempo: “E’ un tormentone che appassiona quello di Dybala, ma Perisic era in scadenza e col Tottenham ha firmato a 6 milioni di euro l’anno, Koulibaly al Chelsea va a prendere 10 milioni e l’affare si è chiuso in 48 ore. Ora non credo che sarà tutta colpa del procuratore… Io non ce l’ho con Dybala, ma rendiamoci conto che quello che abbiamo visto e narrato non aveva corrispondenza in Argentina, perché in nazionale stava in panchina e non ha avuto corrispondenza adesso. Dybala è un giocatore che agli allenatori, secondo me, non piace. Attualmente in Serie A, l’unica squadra tra le prime del campionato in cui sicuramente può giocare titolare è la Roma. Il Napoli? Da quanto ho capito preferisce rinnovare Mertens“.

Dybala ©️ LaPresse

Un caso che appare simile a quello legato ad altri parametri zero: “Guardiamo la situazione, all’estero non lo vuole nessuno. Si è parlato di Atletico Madrid, ma nulla – ha aggiunto Sabatini – Bernardeschi voleva 4 milioni, non glieli hanno dati e forse ora va a Toronto. A me Bernardeschi piace, ma forse non viene considerato all’altezza. Lo stesso vale per Belotti che o fa il centravanti di riserva per 2 milioni l’anno o va al Monaco, non proprio il Real Madrid. Dybala uguale. La verità è che dal famoso gesto in cui sfidò la tribuna d’onore a gennaio, Dybala non è più entrato nella traiettoria del rinnovo, da quel giorno ha trattato con Marotta, ma non si è concluso nulla”.