Rebus Morata, Juve avvisata: messaggio chiaro del presidente

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:44

La Juve ancora alle prese con la trattativa Morata, un tira e molla che non si è risolto e anzi l’Atletico Madrid manda un messaggio chiaro

La Juventus mette la freccia e chiude anche la trattativa Di Maria. L’argentino, a meno di nuovi clamorosi ribaltoni che non sono comunque mai da escludere, vestirà la maglia bianconera. L’affare è ai dettagli con un contratto annuale senza opzione per il rinnovo.

morata juventus atletico madrid cerezo
Morata © LaPresse

I colpi in attacco per Cherubini non si fermeranno al Fideo, di tasselli ne mancano parecchi e tra questi c’è anche un Kostic che è stato praticamente bloccato dalla Juventus. Non solo, perché manca sempre il vice-Vlahovic. Di nomi ne sono circolati parecchi, ma alla fine il preferito di Allegri resta lui, Alvaro Morata. Il centravanti conosce alla perfezione l’ambiente bianconero, ma con l’Atletico Madrid non c’è accordo. Allo stato attuale, lo spagnolo tornerà al Wanda Metropolitano e la Juve lo riprenderà solo con uno sconto rispetto ai 25 milioni stabiliti. Lo stallo c’è e nulla è scontato, nonostante il rapporto inesistente tra il giocatore e Simeone.

Cerezo (presidente Atletico) su Morata: messaggio alla Juventus

Dal presidente dell’Atletico Madrid Enrique Cerezo è infatti arrivato un messaggio decisamente chiaro ai bianconeri: “Morata e Saul hanno rispettato il contratto con altri club, sono tornati qui e saremo felici di riaverli“. Della serie, non c’è la necessità impellente e obbligatoria di cederlo, l’elemento principale su cui poteva giocare la Juventus. Ci vorrà un’offerta comunque convincente. Resta il fatto che i colchoneros dovranno cedere qualcuno entro il 30 giugno: “Dobbiamo incassare 40 milioni, il mercato non è facile e la situazione economica sapete già com’è”, ha detto in un’intervista ad ‘AS’. C’è bisogno di vendere per comprare, sottolinea Cerezo che erò intanto ha annunciato anche l’arrivo di Witsel, per cui l’ufficialità arriverà nei prossimi giorni.