Galliani festeggia e continua il derby: “Milan, ora un altro obiettivo sull’Inter”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:40

Il Milan torna a vincere uno scudetto dopo 11 anni, la gioia incontenibile di Adriano Galliani

Il Milan è di nuovo campione d’Italia, undici anni dopo l’ultima volta. Un’esplosione di gioia per milioni di tifosi rossoneri in tutto il mondo che hanno messo fine a una lunga attesa. C’era stata già la vittoria della Supercoppa nel 2016, ma ovviamente il sapore è totalmente diverso. Lo è anche per Adriano Galliani, che sta vivendo il suo primo titolo da ‘semplice’ tifoso del Milan, dopo l’addio nel 2017 con la cessione della società da parte di Berlusconi.

galliani monza milan scudetto
Galliani © LaPresse

L’attuale ad del Monza, che ieri sera ha festeggiato anche la qualificazione dei brianzoli alla finale playff contro il Pisa, ha raccontato le sue emozioni a ‘La Gazzetta dello Sport’: “Sono felicissimissimissimo, e potrei andare avanti ancora. Il nostro cuore resta ultra rossonero, per questo ci siamo emozionati. Se penso a Ibra che c’era allora e c’è anche oggi…”, dice Galliani parlando ovviamente anche di Berlusconi.

Ma l’ex dirigente rossonero non si accontenta: la prima immagine associata al trionfo? La vittoria della Champions League che prima o poi tornerà. Così come è tornato il grande Milan: “Godiamoci questo trionfo, anche perché come numero di titoli nazionali ci permette di raggiungere l’Inter a quota 19. Ricordo quando al nostro diciottesimo già pensavamo alla seconda stella: la volevamo raggiungere prima dell’Inter e questo resta l’obiettivo”. Galliani dispensa complimenti, compresi ovviamente tutti i dirigenti da Scaroni a Gazidis, Maldini e Massara: “Sono tra i grandi artefici di questo successo. Le squadre di calcio sono fatte anche da dirigenti che passano il testimone, e ora sta succedendo di nuovo. Sono manager bravissimi e molto, molto preparati”.