PAGELLE e TABELLINO di Cagliari-Inter 1-3 | Lautaro implacabile, Keita e Joao Pedro flop

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:40

Pagelle e tabellino della sfida fra Cagliari e Inter andata in scena alla Sardegna Arena e valevole per la 37esima giornata di Serie A

Pagelle e tabellino Cagliari-Inter
Lautaro Martinez, doppietta a Cagliari ©LaPresse

CAGLIARI

Cragno 6,5 – Non può nulla sull’inzuccata di Darmian, a fine primo tempo evita il raddoppio di Lautaro che poi arriva all’inizio del secondo tempo.

Ceppitelli 6 – Salva in scivolata respingendo il tiro di Lautaro diretto in porta. Prova di livello fin quando è stato possibile.

Altare 5,5 – Esce con eleganza su Dzeko, perde nettamente il duello con Lautaro. (Dal 78′ Carbone s.v.)

Lykogiannis 5,5 – Parte bene scaldando i guanti di Handanovic con una conclusione velenosa. Si fa sovrastare da Darmian sull’uno a zero nerazzurro, trovando però nella ripresa la rete della speranza.

Bellanova 5 – Intimidito da Perisic, che fa andare troppo facilmente al cross. I compagni non riescono mai ad innescarlo.

Rog 6 – A uomo su Brozovic e fra le linee è il più insidioso dei sardi, senza far nulla però di speciale. (Dal 56′ Nandez 6 – Dà un po’ di brio alla squadra, ma non basta)

Grassi 4 – Impalpabile, quasi da chiamata a ‘Chi l’ha visto?’.

Marin 4,5 – Non riesce a prendere in mano il centrocampo, mai incisivo. (Dal 78′ Baselli s.v.)

Dalbert 4,5 – In sofferenza nel contenere gli attacchi interisti. Dalla sua parte Barella non sfonda ma controlla e gestisce palla senza affanni. (Dall’86’ Pereiro s.v.)

Joao Pedro 5 – Scivola sul più bello. L’emblema della stagione del Cagliari.

Pavoletti 4 – Come Grassi, c’è ma non si vede. A sua parziale discolpa, nessun pallone giocabile. (Dal 56′ Keita 5 – Sciupa un paio di occasioni importanti per il pari)

All.Agostini 5 – Il Cagliari ha poche idee e confuse, e le gambe sono troppo bloccate. Dopo il gol di Lykogiannis ci si attendeva una reazione e un finale scoppiettante, ma così non è stato anche per merito dell’Inter. Ora la retrocessione è a un passo.

INTER

Handanovic 6 – Una parata vera ma importante su Lykogiannis, che poi lo beffa nella ripresa. Tiro del greco imparabile.

Skriniar 6,5 – Si perde Joao Pedro una sola volta. Il Var, giustamente, gli toglie il timbro sul match. Forse devia in maniera decisiva la conclusione a rete di Lykogiannis.

De Vrij 6 – Va con troppo sufficienza in un paio di occasioni, sembra il meno solido del terzetto difensivo.

Bastoni 6,5 – Protezione totale a Perisic e il croato può scappare più tranquillo. Buono il ritorno tra i titolari. (Dal 69′ D’Ambrosio 6 – Ci rimette la testa, nel vero senso della parola. Puntuale)

Darmian 7.5 – Va in cielo come Cristiano Ronaldo sbloccando e mettendo in discesa la gara. Sempre pericoloso quando prova a spingere. (Dal 58′ Dumfries 6 – Fa il suo in una fase delicata della gara, colpendo il palo nel recupero)

Barella 6 – Per lui è una partita speciale e un po’, in negativo, si vede. A inizio ripresa serve però un gran pallone a Lautaro per il raddoppio, poco dopo va troppo leggero su Lykogiannis che col mancino trova l’angolino. (Dal 58′ Gagliardini 7 – Impatta bene sul match, regalando a Lautaro il pallone del definitivo 1-3)

Brozovic 6,5 – Rog gli dà qualche fastidio, poi si prende il suo spazio e gioca una partita di discreto livello.

Calhanoglu 6 – Si vede a tratti, si accende davvero solo nel finale.

Perisic 7,5 – Nono assist stagionale ed ennessimo ‘messaggio’ alla società in ottica rinnovo. Perisic is on fire.

Lautaro 8 – E’ uno di quelli che vuole davvero far sudare fino all’ultimo lo scudetto al Milan. Gol voluti ad ogni costo, da centravanti di razza, e strameritati. Sono 25 in stagione. (Dall’86 Sanchez s.v.)

Dzeko 6 – Tanto lavoro per la squadra, ma si muove come un elefante e fatica a tenere il pallone. Due partite in quattro giorni, peraltro a fine stagione, sono davvero troppe per lui. (Dal 69′ Correa 6,5 – Con lui l’attacco è più imprevedibile e vivace)

All.Inzaghi 7,5 – E’ riuscito a far smaltire bene le scorie della vittoria della Coppa Italia e la delusione per il successo del Milan nel pomeriggio. Bravo psicologo. Si giocherà il titolo fino alla fine, con chance minime e con il grosso rimpianto di Bologna.

Arbitro Doveri 6,5 – Il Var lo salva su Skriniar, ma effettivamente non era facile vedere il tocco di braccio dello slovacco. Si fa sentire dai giocatori tenendo sotto le tensioni del match.

TABELLINO

CAGLIARI-INTER 1-3
24′ Darmian, 51′ e 84′ Lautaro, 54′ Lykogiannis

CAGLIARI (3-5-2): Cragno; Ceppitelli, Altare (78′ Carbone), Lykogiannis; Bellanova, Rog (56′ Nandez), Grassi, Marin (78′ Baselli), Dalbert (86′ Pereiro); Joao Pedro, Pavoletti (56′ Keita). All.: Agostini

INTER (3-5-2): Handanovic; Skriniar, de Vrij, Bastoni (69′ D’Ambrosio); Darmian (58′ Dumfries), Barella (58′ Gagliardini), Brozovic, Calhanoglu, Perisic; Dzeko (69′ Correa), Lautaro (86′ Sanchez). All.: Inzaghi

INTER (3-5-2): Handanovic; Skriniar, de Vrij, Bastoni; Darmian, Barella, Brozovic, Calhanoglu, Perisic; Dzeko, Lautaro. All.: Inzaghi

ARBITRO: Doveri di Roma 1
VAR: Di Bello
AMMONITI: Darmian, Calhanoglu
NOTE: 2′ recupero pt; 5′ st