Ribaltone in società e doppio colpo sensazionale: irrompe la Juve

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:36

Gli stravolgimenti in società potrebbero portare a grandi colpi sul calciomercato. La Juve resta alla finestra per un doppio affare sensazionale

Il Chelsea ha una nuova proprietà e, nel solco del sentimento di questi tempi, con la guerra di Putin all’Ucraina che non si ferma, passa dalle mani del russo Roman Abramovic a quelle dello statunitense Todd Boehly e della sua cordata. Una sorta di segno dei tempi, verrebbe da dire. Ma a noi interessano gli aspetti di calcio in questa vicenda e ce ne sono davvero tanti che da questo momento in poi potranno maturare.

Ribaltone in società e doppio colpo sensazionale: irrompe la Juve
Agnelli ©LaPresse

Il mercato del club londinese potrà iniziare a decollare e la prima cosa che diventa interessante capire è cosa potrebbe accadere per quanto riguarda le uscire. Con uno zoom da far partire e lasciare lì sul tecnico, Tuchel. A nessuno verrebbe in mente di metterlo in discussione ora, ovvio. Ma in termini assoluti ci sta che una nuova proprietà voglia ragionare scegliendosi l’uomo a cui affidare il proprio progetto tecnico. Per ora siamo nel campo delle ipotesi, ovvio. Ma bisogna tenere le antenne dritte.

Ribaltone in società e doppio colpo sensazionale: irrompe la Juve
Jorginho ©LaPresse

Cominciamo da una vecchia conoscenza del calcio italiano e della nostra Nazionale. Ci stiamo riferendo a Jorginho che potrebbe proprio coltivare il suo sogno di tornare in Serie A. Con la Juventus in cima alla lista dei suoi desideri, dopo aver vissuto Napoli come altra grande piazza italiana. Restando alla Juve, bisogna fare attenzione anche a quello che accadrà con Emerson, nel mirino dei bianconeri come anche dell’Inter nel recente passato. L’altro italo-brasiliano del Chelsea rientrerà dal prestito al Lione e anche per lui il ritorno in Italia – Allegri ora sembrerebbe in posizione di vantaggio – è più di una possibilità. Un po’ la situazione che riguarda anche Romelu Lukaku, in ottica Inter: anche se, in questo caso, bisogna sottolineare ancora una volta che la soluzione del prestito resta difficile e in assoluto rivedere l’attaccante belga in nerazzurro appare un progetto irto di ostacoli. Per Lukaku non bisogna mai dimenticare che c’è anche il Psg in corsa.

Chelsea stravolto: cosa succede in chiave Juve e non solo sul calciomercato

Ribaltone in società e doppio colpo sensazionale: irrompe la Juve
Ziyech ©LaPresse

Capitolo Ziyech, calciatore attorno al quale le attenzioni dell’Europa che conta sono sempre molto alte. Fino allo scorso mese di marzo il giocatore era intenzionato a rimanere a Londra, nonostante i sondaggi reali di Juventus e Milan. Adesso è reduce da nove panchine consecutive e, se non dovessero emergere clamorose novità da parte della proprietà sul fronte Tuchel, il calciatore marocchino potrebbe riconsiderare i suoi piani. Non va dimenticato che a gennaio il suo entourage aveva anche trovato un’intesa di massima con il Barcellona, ma il Chelsea non diede via libera per il prestito e i blaugrana intanto hanno preso Adama Traore. Se Ziyech dovesse muoversi non è affatto difficile prevedere aste forsennate.

C’è anche Marcos Alonso, nel capitolo uscite, che starebbe meditando il ritorno in patria: ancora nessun segnale forte e chiaro, ma Barcellona e Atletico Madrid sono vigili su questo fronte. Alonso conserva sempre estimatori che lo rivorrebbero in Serie A, ma in questo momento la sua voglia di casa sembra dominante su tutto il resto. ma anche in questo caso meglio non escludere nulla.

Chelsea stravolto: cosa succede in chiave Juve e non solo sul calciomercato
Bremer ©LaPresse

Rapida rassegna sulle operazioni in entrata focalizzando une delle priorità, ovvero due difensori centrali. Tra gli altri, le candidature di De Ligt, Bremer e Kounde potrebbero sconvolgere piani che sembrerebbero abbastanza scritti come quelli riferiti al centrale brasiliano del Torino (leggi Inter). Ci sono anche un esterno sinistro e un centrocampista centrale negli obiettivi futuri del Chelsea. Ma se per la difesa delle nomination già ci sono, sul resto bisogna dare il tempo alla nuova proprietà di insediarsi.

Giorgio Alesse