Serie A, Udinese-Inter 1-2 | La cronaca del match

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:07

Calciomercato.it vi offre in tempo reale la cronaca di Udinese-Inter, posticipo delle 18 della trentacinquesima giornata di Serie A

Allentare la pressione dopo il risultato nel pomeriggio del Milan e dimenticare in fretta il rovinoso scivolone nel recupero contro il Bologna. Con questi presupposti, l’Inter scende in campo in casa dell’Udinese, a caccia di una vittoria che possa mantenere in vita le ambizioni scudetto di Brozovic e compagni. Di fronte ci sarà una delle squadre più in forma del campionato, reduce dal roboante 4-0 in casa della Fiorentina.

DIRETTA Serie A, Udinese-Inter 0-1 | Success ko, entra Pussetto LIVE
Brozovic vs Deulofeu ©️ LaPresse

Senza lo squalificato Hakan Calhanoglu e l’infortunato Alessandro Bastoni, Simone Inzaghi recupera Samir Handanovic e Robin Gosens nell’elenco dei convocati. Gabriele Cioffi dovrà fare a meno di Makengo, appiedato dal Giudice Sportivo, e dell’infortunato Beto, ma recupera una pedina importante come Roberto Pereyra nella lista dei calciatori a disposizione. L’ultimo precedente in terra friulana si concluse sullo 0-0, ma per trovare l’ultimo successo casalingo dei bianconeri, bisogna arrivare al gennaio del 2014, un 1-0 in Coppa Italia. Da sottolineare anche il bilancio di Inzaghi contro l’Udinese, che recita 9 vittorie, 1 pareggio e 1 sconfitta. Calciomercato.it seguirà la partita in tempo reale.

Formazioni ufficiali Udinese-Inter

Udinese (3-5-2): Silvestri; Becao, Pablo Marí, Perez; Molina, Arslan, Walace, Pereyra, Udogie; Success, Deulofeu. All. Cioffi

Inter (3-5-2): Handanovic; Skriniar, De Vrij, Dimarco; Darmian, Barella, Brozovic, Gagliardini, Perisic; Dzeko, Lautaro. All. Inzaghi

CLASSIFICA SERIE A: Milan punti 77, Inter 75, Napoli 70, Juventus 69, Lazio 59, Roma* 58, Fiorentina 56, Atalanta* 55, Hellas Verona 52, Torino 47, Sassuolo 46, Udinese 43, Bologna* 42, Empoli 37, Sampdoria 33, Spezia 33, Cagliari 28, Salernitana** 25, Genoa 25, Venezia* 22.

*Una partita in meno
**Due partite in meno