CM.IT | Dalla concorrenza alla clausola, le ultime sul post Dybala

La caccia grossa per l’erede di Dybala è una delle tematiche più calde del calciomercato Juventus, con vari profili monitorati

Reduce dalla conquista delle finale di Coppa Italia, la Juventus tornerà in campo solamente lunedì sera per la partita contro il Sassuolo. Una sfida che metterà i bianconeri di fronte a diversi obiettivi di mercato, a partire da Giacomo Raspadori. L’attaccante neroverde è uno dei tanti profili seguiti alla Continassa per rinforzare un attacco che a partite dalla prossima stagione dovrà fare a meno anche di Paulo Dybala, in partenza a parametro zero.

Calciomercato Juventus, erede Dybala: le ultime dal Sudamerica
Paulo Dybala ©LaPresse

Da tempi non sospetti nel mirino di Atletico Madrid e Inter, la Joya nelle ultime ore è stata riaccostata con forza anche alla Roma. Proprio nella squadra giallorossa gioca uno dei nomi più chiacchierati in ottica bianconera: Nicolò Zaniolo. Il 22 romanista non è esattamente l’opzione più economica tra quelle vagliate da Federico Cherubini, visto che a Trigoria non vorrebbero ascoltare offerte inferiori ai 50 milioni di euro. Angel Di Maria, in scadenza a giugno col Psg, e David Neres. Trasferitosi allo Shakhtar Donetsk a gennaio per 12 milioni di euro più 4 di bonus, il 25enne brasiliano rappresenta indubitabilmente il mix meglio assortito tra età e prezzo del cartellino. Gli agenti dell’ex Ajax sono poi in ottimi rapporti con la dirigenza bianconera, ma ci troviamo ancora in una fase embrionale della situazione.

Calciomercato Juventus, doppia insidia per David Neres

David Neres ©LaPresse

Anche in virtù di questo, c’è stato qualche sondaggio informale, ma, secondo le informazioni raccolte da Calciomercato.it, ad oggi non si registrano ancora passi concreti da parte della Juve per l’ex San Paolo. Prima dell’ingaggio di Teté da parte del Lione, Neres è stato un obiettivo reale del club francese, mentre più di recente è stato il Benfica a farsi vivo con l’entourage del calciatore e il club ucraino. Nel contratto sottoscritto con lo Shakhtar è presente anche una clausola d’uscita, ma attualmente i suoi agenti non sono intenzionati ad utilizzarla.