Allegri guarda alla Fiorentina: novità sul ritiro. Poi esalta un big: “Devastante”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:16

Le parole in conferenza stampa di Massimiliano Allegri dopo la vittoria per 4-2 della Juventus in Champions League contro lo Zenit

Un poker che ridà ossigeno alla Juventus il 4-2 contro lo Zenit in Champions League, che vale l’accesso agli ottavi alla squadra bianconera. Massimiliano Allegri ‘respira’ e analizza la vittoria odierna contro la formazione russa: “Non abbiamo perso lucidità dopo l’1-1, potevamo fare tanti altri gol questa sera. Abbiamo passato il turno ed è quello che cercavamo. Sono molto contento della prestazione della squadra. Dove dobbiamo migliorare è nella gestione degli ultimi cinque minuti: sul 4-1 devi tenere palla e non subire gol”.

allegri juventus zenit

SUPER DYBALA – “Si è presentato bene fin dal ritiro. Poi ha avuto un infortunio. Ha lo spirito giusto e mette in mostra tutte quelle che sono le sue qualità. Ma ha ancora margini di miglioramento, come del resto tutta la squadra”.

Allegri risponde anche alle domande dell’inviato di Calciomercato.it: “Cosa può dare questa vittoria in vista del campionato? Vediamo sabato, ci aspetta un’altra partita difficile. La Fiorentina è una squadra che gioca bene, corre e ha un ottimo tecnico con tanti buoni giocatori. McKennie? Ha fatto una bella partita. Ha una buona condizione fisica e sta facendo bene”.

MORATA – “Sono felice per Alvaro, è un ottimo calciatore e lo ha sempre dimostrato alla Juve. Oggi non ha giocato spalle alla porta, ma si è sentito più a suo agio muovendosi per il campo”.

CHIESA – “Il suo ruolo? Ha giocato da esterno su entrambe le fasce, o da attaccante quando mancavano Dybala e Morata. Nel secondo tempo ha fatto nettamente meglio. Quando ha campo aperto diventa devastante”.

RIGORI – “Non li guardo mai, dai tempi del Milan. Li guardavo solo quando tiravo, anche se potevo tirare di tacco (ride, ndr)…”.

NOVITA’ RITIRO – Ritiro interrotto per la Juventus dopo la vittoria contro lo Zenit: i giocatori questa sera torneranno a dormire nelle proprie abitazioni, prima di ritornare alla Continassa per l’allenamento post Champions. Anche mercoledì la squadra non dormirà nel quartier generale bianconero, con il ritiro che tornerà effettivo da giovedì mattino fino a sabato, giorno del match contro la Fiorentina.