Allegri via dalla Juve, c’è già la data: decisa la prossima squadra

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:26

Massimiliano Allegri ha già in mente il piano per i prossimi anni di carriera: a rivelarlo è il suo amico e mentore

Chi va piano va sano e va lontano. Sembra essere questo il motto della Juventus e di Massimiliano Allegri in questo ultimo periodo. Lo dimostrano la serie di 1-0 collezionati dai bianconeri, pur con un gioco decisamente non spumeggiante, e il pareggio in extremis sul campo dell’Inter.

Allegri
Allegri © Getty Images

La Juve è ancora lontanissima dalla vetta, lo scudetto già è un obiettivo parecchio complicato, ma Milan e Napoli di certo non possono andare ancora più forte di così e i bianconeri – così come l’Inter – devono essere bravi a farsi trovare pronti quando ci sarà un inevitabile calo delle duo di testa (il Milan è primo sì, ma con una partita in più).

Juventus, Galeone: “Tra quattro anni Allegri in nazionale”

Allegri
Massimiliano Allegri © Getty Images

Ma dopo un inizio per certi versi sconcertante, pian piano Allegri sta trovando una stabilità oltre a qualche giocatore rimasto troppo a lungo fuori. Il mister livornese è tornato a Torino dopo due anni in cui la Juve ha faticato parecchio, pur vincendo comunque diversi trofei con Sarri e Pirlo. Il rapporto con Agnelli è sempre stato buono, dopo due anni di inattività Max ha scelto di riprendere da dove aveva lasciato. Con un disegno ben preciso in testa per i prossimi anni.

A spiegarlo è Giovanni Galeone, mentore e soprattutto grande amico di Allegri: “L’intenzione di Massimiliano è fare questi 3-4 anni alla Juventus, fino alla fine del contratto, e poi provare ad allenare una nazionale. Lo preferisce, anche per seguire la crescita del figlio”, le parole a ‘Radio Kiss Kiss Napoli’. Diverso tempo fa anche per l’Italia era circolato il nome dell’allenatore bianconero, considerando che essere ct azzurro sarebbe sempre stato tra gli obiettivi del tecnico. Mancini ha un contratto fino al 2026, un anno dopo la scadenza dell’accordo tra Allegri e la Juve. Questo non esclude ovviamente che possa invece allenare una nazionale straniera.