Calciomercato Juventus, accordo raggiunto: l’addio del tecnico cambia tutto

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:29
Nedved e Paratici
Nedved e Paratici © Getty Images

Salta un affare che sembrava in via di definizione per la Juventus: accordo raggiunto ma l’addio del tecnico cambia tutto

Vendere e fare plusvalenze entro il 30 giugno. Conti alla mano, Fabio Paratici ha questo come compito prioritario per il mercato della Juventus. La missione del CFO bianconero non si presenta per nulla facile, soprattutto per quei calciatori che potrebbero tornare dai vari prestiti. Uno di questi è Douglas Costa che il Bayern Monaco difficilmente riscatterà. Con i tedeschi, l’attaccante ha collezionato in questa stagione meno di 700 minuti in campo, distribuiti su 22 presenze in tutte le competizioni. Un ‘bottino’ che porterà il calciatore di nuovo in Italia per poi essere nuovamente ceduto. Per ‘piazzare’ il brasiliano c’è da tenere in considerazione il suo alto ingaggio, un aspetto non secondario in un mercato ‘povero’ come quello che verrà in estate.

Eppure il 30enne di Sapucaia do Sul fa gola ancora a diversi club. Tra questi c’è il Gremio, squadra nella quale è cresciuto prima di fare il salto verso l’Europa. Non un semplice interesse, ma un vero e proprio accordo che ora sembra essere saltato. Per seguire e interagire in DIRETTA sulle ultime di Calciomercato ISCRIVITI al canale YouTube

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Juventus, dalla Spagna | Colpo a zero: firma imminente

Douglas Costa
Douglas Costa © Getty Images

Calciomercato Juventus, Gremio-Douglas Costa: tutto saltato

A svelare il retroscena è il giornalista brasiliano Jeremias Wernek che spiega come il Gremio e il calciatore avevano già raggiunto un accordo per un biennale con l’esterno che avrebbe accettato anche una riduzione dell’ingaggio e un clausola anti-infortunio.

L’intesa è però naufragata dopo l’eliminazione del club dalla Coppa Libertadores e l’esonero di Renato. Proprio l’allenatore era uno degli sponsor principali del ritorno di Douglas Costa al Gremio e il suo addio, insieme ai mancati introiti della coppa, ha portato allo stop della trattativa.