Juventus-Spezia, conferenza Italiano: “Ecco cosa ho detto a Pirlo. Futuro? Ho un solo obiettivo”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:15
Italiano conferenza stampa Juve-Spezia
Italiano conferenza stampa Juve-Spezia

Le parole in conferenza stampa di Vincenzo Italiano, tecnico dello Spezia, dopo il ko per 3-0 in casa della Juventus

Non basta allo Spezia un’ora di gioco alla pari della Juventus per uscire imbattuta dall’Allianz Stadium. Le parole in conferenza stampa di Vincenzo Italiano, allenatore dei liguri, che risponde alla domanda dell’inviato di Calciomercato.it sulla prestazione della sua squadra e sull’abbraccio ad inizio partita con il collega Pirlo: “Per 60 minuti abbiamo giocato molto bene. Abbiamo concesso pochissimo, solo quel palo colpito da Ronaldo. Quando siamo calati come intensità, è venuta fuori la stanchezza e loro con le qualità che hanno ti castigano. Dispiace davvero perché è un risultato troppo severo per lo Spezia. Abbiamo fatto una bellissima figura stasera all’Allianz Stadium: se fosse arrivato anche il risultato, sarebbe stato qualcosa di straordinario. La Juve però ha tanti campioni e ha meritato la vittoria. Ne usciamo a testa alta e ci riscatteremo presto. Cosa ci siamo detti con Pirlo? Ci siamo salutati, gli auguro il meglio. E’ in corsa per tanti trofei e gli faccio un grande in bocca al lupo”.

Per seguire e interagire in DIRETTA sulle ultime di Calciomercato ISCRIVITI al canale YouTube.

Italiano potrebbe fare il grande salto in panchina nella prossima stagione: “L’interesse nei miei confronti? Fa immenso piacere essere stimati e apprezzati per il lavoro che si fa e che tutto questo venga riconosciuto. Però la testa e la concentrazione massima vanno su quello che accadrà da adesso fino al termine del campionato. Raggiungere la salvezza sarebbe un traguardo strepitoso e mi concentro solo su quello. Per il futuro è normale essere ambiziosi, siamo dei professionisti. Non so cosa mi rivelerà il destino, ma per il momento penso solamente a raggiungere la salvezza con lo Spezia e ce la metteremo tutta”.