Milan, Pioli nei guai: quattro tegole per il derby di domani, l’annuncio del tecnico

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:58
Inter-Milan, Pioli verso il derby
Stefano Pioli

Stefano Pioli ha presentato il derby di domani con l’Inter, ma ha ammesso che potrebbero esserci delle assenze pesantissime

Domani il Milan tornerà in campo per riscattarsi dal pesante ko con l’Atalanta, nel derby di domani sera in Coppa Italia con l’Inter. Stefano Pioli dovrà però probabilmente fare a meno di quattro giocatori fondamentali e ad annunciarlo è stato lo stesso tecnico. “Bennacer sta meglio ma sarà a disposizione per Bologna, Calhanoglu invece ancora non sarà della partita. Abbiamo avuto problemi anche per Mandzukic, Tonali e Kalulu, solo domani mattina capiremo se ci saranno con l’Inter”, le parole di Pioli a ‘Milan TV’.

Per seguire e interagire in DIRETTA sulle ultime di Calciomercato ISCRIVITI al canale YouTube

Calciomercato Juventus e Milan, ipotesi scambio Rebic-Demiral | I dettagli
Mario Mandzukic © Getty Images

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato, l’attaccante lascia il Milan | Fatta per la cessione

Inter-Milan, Pioli: “Noi sfortunati nel sorteggio, teniamo alla Coppa Italia”

Alla tv ufficiale rossonera, Pioli ha presentato il derby con l’Inter in Coppa Italia che precede quello di campionato: “E’ una competizione a parte, più facile da affrontare mentalmente. E’ una partita unica, un torneo a cui teniamo ma in campionato sarà un’altra storia, ci saranno altre partite importanti in mezzo prima del derby. Ci sono avversari insidiosi, ma la volontà è di rimettere in campo subito una prestazione positiva. Faremo di tutto per arrivare fino in fondo, tutte le grandi si giocano quarti e semifinali. Non siamo stati fortunati nel sorteggio, il nostro è il quadrante più forte ma se vuoi vincere la coppa devi batterle tutte”.

Per restare aggiornato con tutte le news legate al mercato e non solo CLICCA QUI!

L’allenatore rossonero continua: “Restano i 43 punti dell’andata e una squadra solida, ma abbiamo provato sabato che rischi di soccombere se non tieni certi livelli. Ora cercheremo di fare uno sforzo ancora maggiore per fare gli stessi risultati. Non ho dormito la notte perché ho rivisto la partita e credo che nel nostro lavoro sia molto importante la comunicazione con la squadra il giorno dopo. Avere delle pressioni è un privilegio perché vuol dire essere arrivati a un certo livello e noi vogliamo starci. Ben vengano le pressioni, quelle esterne le conosciamo ma contano più quelle interne che ci creiamo da soli. Vogliamo essere ambiziosi e vincere tutte le partite, dobbiamo convivere con le pressioni e anzi dovviamo volerle”. Infine su Tomori: “È un ragazzo intelligente, curioso, arriva da un calcio diverso, poi il mio inglese è buono ma non eccezionale. Lui è attento, ha belle qualità e caratteristiche, ci vorrà un po di tempo per inserirsi nei nostri meccanismi”.