Napoli, infortunio Mertens | Ecco la data del rientro: le ultime di CM.IT

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:28
mertens infortunio
Dries Mertens (Getty Images)

Napoli, meno grave del previsto l’infortunio di Mertens: lesione al legamento peroneo astragalico. Rientro tra il 10 ed il 13 gennaio

Le immagini delle lacrime, quelle del Meazza, avevano fatto temere il peggio a Gattuso ed ai tifosi del Napoli. Dries Mertens, invece, sta meglio del previsto, come già trapelato nelle scorse ore. Secondo quanto appreso da Calciomercato.it, per l’attaccante belga si tratta di una lesione al legamento peroneo astragalico: messa così sembra una roba seria. In realtà, è la conseguenza naturale in tutte le distorsioni. Un problema che conduce ad un stop che costringerà Mertens ad un naturale periodo di ripresa dall’infortunio.

LEGGI ANCHE >>> Juventus, i convocati di Pirlo | UFFICIALE: manca un big!

In casa Napoli, però, hanno già individuato una data ed il percorso di recupero. Ed il rientro in gruppo per il giocatore è fissato tra il 10 ed il 13 gennaio, a cavallo della gara di campionato in trasferta con l’Udinese e la partita in Coppa Italia con l’Empoli (salvo che quest’ultima data non possa essere una di quelle selezionate per il recupero della gara di campionato tra Juve e Napoli, qualora il Collegio di Garanzia dello Sport decida in tal senso)

Per seguire e interagire in DIRETTA sulle ultime di Calciomercato ISCRIVITI al canale YouTube

mertens infortunio tempi recupero
Dries Mertens (Getty Images)

Napoli, i dettagli sul recupero di Mertens

Nel corso dei venti giorni necessari per tornare ad allenarsi in gruppo, Mertens porterà delle fasciature zincate per cancellare gli effetti dell’edema che si è formato alla caviglia infortunata. Mertens, come si è letto, tornerà in Belgio per il percorso di recupero. Qui farà lavoro in acqua e fisioterapia per ritrovare la migliore condizione. Inoltre, anche quando tornerà agli allenamenti e le gare, è al vaglio un meccanismo per sostenere la caviglia. Prima del rientro ci sarà un ultimo esame di controllo, ma sarà il calciatore stesso a capire quando è il momento di tornare a forzare.